VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 2

MADRE TERRA: UN UNICO ORGANISMO VIVENTE Figli della Terra… ricordate Schim Schimmel Da qualche parte, nelle profonde oscurità dello spazio vellutato, ruota uno splendido mondo blu. Da lontano questo mondo appare come un magnifico intreccio di nuvole bianche e blu. Ma più ci avviciniamo, più ne distinguiamo i colori: rosso, marrone, giallo e tutte le sfumature del verde. Ci sono molti mondi che ruotano nello spazio, ma questo è speciale. Questo non è un mondo qualunque. In questo mondo vi sono gli animali. Miliardi di animali. Vi sono più animali di tutte le scintillanti stelle del cielo notturno. E tutti questi animali sono i figli di questo mondo. Perché questo mondo è la loro madre. E noi chiamiamo questo mondo Madre Terra. Gli animali non sono soli sulla Madre Terra. Ci vivono anche gli uomini. Miliardi di uomini. E anche tutti questi uomini sono i figli della Madre Terra. Così gli animali, gli uomini e la Madre Terra formano tutti una sola grande famiglia. E i delfini giocano. E gli uccelli cantano. E il daino danza. E gli uomini vivono. Nelle profonde oscurità dello spazio vellutato ruota la famiglia della Madre Terra. E gli animali ricordano. Ricordano la Madre Terra prima che ci fossero gli uomini. Ricordano come tutte le foreste fossero folte, lussureggianti e verdi. Come tutti gli oceani, i fiumi e i laghi fossero puri e cristallini. Come il cielo fosse di un blu splendente. E gli animali ricordano quando videro i primi uomini. All’inizio, pochissimi. Ma presto, sempre di più, sempre più numerosi, finché ovunque, sulla Madre Terra, ci furono uomini. Tuttavia, c’erano più animali che uomini. E gli uomini condividevano la Madre Terra con gli animali. Ricordavano che gli animali erano loro fratelli. Ricordavano che facevano parte di una grande famiglia. E gli animali e gli uomini erano gli occhi, gli orecchi e il cuore della Madre Terra. Così, quando i delfini giocavano, la Madre Terra giocava. Quando gli uccelli cantavano, la Madre Terra cantava. Quando il daino danzava, la Madre Terra danzava. E quando gli uomini amavano, la Madre Terra amava. Il tempo passò e nacquero più uomini. Sempre più uomini, finché, alla fine, ci furono più uomini che animali. E gli uomini dimenticarono. Dimenticarono di condividere il suolo, l’acqua e il cielo della Madre Terra con gli animali. Dimenticarono che gli animali erano loro fratelli. Dimenticarono che facevano tutti parte dell’unica grande famiglia della Madre Terra. E gli uomini dimenticarono. Ma gli animali ricordavano. E sapevano che avrebbero dovuto ricordarlo agli uomini. Così, ogni giorno i nostri fratelli ce lo rammentano… E quando i delfini giocano, gli uomini ricordano. Quando gli uccelli cantano, gli uomini ricordano. Quando il daino danza, gli uomini ricordano. E quando gli uomini ricordano, amano. (Tratto da: S. Schimmel, Bambini della Terra… ricordate, Edizioni Il punto d’incontro) Il testo Il testo che leggerai è stato pubblicato con il patrocinio del WWF Italia nell’ambito del progetto “Educazione”. L’amore e il rispetto per la natura si imparano fin dall’infanzia, con piccoli gesti quotidiani corretti che diventeranno buone abitudini per condividere questo nostro splendido pianeta con tutte le sue varie forme di vita. L’autore Schim Schimmel (1954) è un pittore, musicista e scrittore statunitense. Al centro della sua arte c’è l’amore per l’ambiente, per la natura e gli animali del nostro pianeta. Per trasmettere con maggior forza questo messaggio, ha cominciato a scrivere libri per bambini per accompagnare i suoi dipinti. COMPRENDERE 1. Che cosa ricordano gli animali del mondo prima che ci fossero gli uomini? 2. Che cosa hanno dimenticato gli uomini? 3. Chi e come ricorda agli uomini la loro appartenenza? 4. Perché è importante “ricordare”? LESSICO 5. A chi si riferisce la parola “figli”? 6. Rileggi velocemente il testo, sottolinea e trascrivi tutte le espressioni con le quali è indicato il nostro pianeta. 7. Quale parola, in particolare, ci fa capire l’unicità della Terra? 8. Quale paragone indica la grande quantità di animali presenti sulla Terra? Trascrivilo. 9. Con quale metafora si rappresenta il concetto che tutti gli esseri viventi, animali e uomini, facevano parte della Madre Terra? 10. Quesito INVALSI Unisci le frasi che seguono con i connettivi adeguati, scelti tra quelli elencati. Attenzione, non tutti sono utili! sebbene • perché • addirittura • tuttavia • quasi • nonché Gli animali non sono soli sulla Madre Terra. Ci vivono anche gli uomini. Miliardi di uomini. Più persone di tutte le scintillanti stelle del cielo notturno. ESPRIMERE E VALUTARE 11. Scrivere Qual è il messaggio di questo testo? Sottolinea sul testo le parole che per te sono più significative e spiega il motivo della tua scelta. 12. Quanto ti ha coinvolto questo testo? Ti ritieni sensibile alle tematiche ambientali? Puoi valutare la tua sensibilità ecologica con il test che ti suggeriamo. AL CINEMA Sul pianeta Pandora, il popolo dei Návi ha una profonda connessione con la foresta, una rete di energia che scorre in tutte le creature viventi… • Una rete di energia (da Avatar di James Cameron)
MADRE TERRA: UN UNICO ORGANISMO VIVENTE Figli della Terra… ricordate Schim Schimmel Da qualche parte, nelle profonde oscurità dello spazio vellutato, ruota uno splendido mondo blu. Da lontano questo mondo appare come un magnifico intreccio di nuvole bianche e blu. Ma più ci avviciniamo, più ne distinguiamo i colori: rosso, marrone, giallo e tutte le sfumature del verde. Ci sono molti mondi che ruotano nello spazio, ma questo è speciale. Questo non è un mondo qualunque. In questo mondo vi sono gli animali. Miliardi di animali. Vi sono più animali di tutte le scintillanti stelle del cielo notturno. E tutti questi animali sono i figli di questo mondo. Perché questo mondo è la loro madre. E noi chiamiamo questo mondo Madre Terra. Gli animali non sono soli sulla Madre Terra. Ci vivono anche gli uomini. Miliardi di uomini. E anche tutti questi uomini sono i figli della Madre Terra. Così gli animali, gli uomini e la Madre Terra formano tutti una sola grande famiglia. E i delfini giocano. E gli uccelli cantano. E il daino danza. E gli uomini vivono. Nelle profonde oscurità dello spazio vellutato ruota la famiglia della Madre Terra. E gli animali ricordano. Ricordano la Madre Terra prima che ci fossero gli uomini. Ricordano come tutte le foreste fossero folte, lussureggianti e verdi. Come tutti gli oceani, i fiumi e i laghi fossero puri e cristallini. Come il cielo fosse di un blu splendente. E gli animali ricordano quando videro i primi uomini. All’inizio, pochissimi. Ma presto, sempre di più, sempre più numerosi, finché ovunque, sulla Madre Terra, ci furono uomini. Tuttavia, c’erano più animali che uomini. E gli uomini condividevano la Madre Terra con gli animali. Ricordavano che gli animali erano loro fratelli. Ricordavano che facevano parte di una grande famiglia. E gli animali e gli uomini erano gli occhi, gli orecchi e il cuore della Madre Terra. Così, quando i delfini giocavano, la Madre Terra giocava. Quando gli uccelli cantavano, la Madre Terra cantava. Quando il daino danzava, la Madre Terra danzava. E quando gli uomini amavano, la Madre Terra amava. Il tempo passò e nacquero più uomini. Sempre più uomini, finché, alla fine, ci furono più uomini che animali. E gli uomini dimenticarono. Dimenticarono di condividere il suolo, l’acqua e il cielo della Madre Terra con gli animali. Dimenticarono che gli animali erano loro fratelli. Dimenticarono che facevano tutti parte dell’unica grande famiglia della Madre Terra. E gli uomini dimenticarono. Ma gli animali ricordavano. E sapevano che avrebbero dovuto ricordarlo agli uomini. Così, ogni giorno i nostri fratelli ce lo rammentano… E quando i delfini giocano, gli uomini ricordano. Quando gli uccelli cantano, gli uomini ricordano. Quando il daino danza, gli uomini ricordano. E quando gli uomini ricordano, amano. (Tratto da: S. Schimmel, Bambini della Terra… ricordate, Edizioni Il punto d’incontro) Il testo Il testo che leggerai è stato pubblicato con il patrocinio del WWF Italia nell’ambito del progetto “Educazione”. L’amore e il rispetto per la natura si imparano fin dall’infanzia, con piccoli gesti quotidiani corretti che diventeranno buone abitudini per condividere questo nostro splendido pianeta con tutte le sue varie forme di vita. L’autore Schim Schimmel (1954) è un pittore, musicista e scrittore statunitense. Al centro della sua arte c’è l’amore per l’ambiente, per la natura e gli animali del nostro pianeta. Per trasmettere con maggior forza questo messaggio, ha cominciato a scrivere libri per bambini per accompagnare i suoi dipinti. COMPRENDERE 1. Che cosa ricordano gli animali del mondo prima che ci fossero gli uomini? 2. Che cosa hanno dimenticato gli uomini? 3. Chi e come ricorda agli uomini la loro appartenenza? 4. Perché è importante “ricordare”? LESSICO 5. A chi si riferisce la parola “figli”? 6. Rileggi velocemente il testo, sottolinea e trascrivi tutte le espressioni con le quali è indicato il nostro pianeta. 7. Quale parola, in particolare, ci fa capire l’unicità della Terra? 8. Quale paragone indica la grande quantità di animali presenti sulla Terra? Trascrivilo. 9. Con quale metafora si rappresenta il concetto che tutti gli esseri viventi, animali e uomini, facevano parte della Madre Terra? 10. Quesito INVALSI Unisci le frasi che seguono con i connettivi adeguati, scelti tra quelli elencati. Attenzione, non tutti sono utili! sebbene • perché • addirittura • tuttavia • quasi • nonché Gli animali non sono soli sulla Madre Terra. Ci vivono anche gli uomini. Miliardi di uomini. Più persone di tutte le scintillanti stelle del cielo notturno. ESPRIMERE E VALUTARE 11. Scrivere Qual è il messaggio di questo testo? Sottolinea sul testo le parole che per te sono più significative e spiega il motivo della tua scelta. 12. Quanto ti ha coinvolto questo testo? Ti ritieni sensibile alle tematiche ambientali? Puoi valutare la tua sensibilità ecologica con il test che ti suggeriamo. AL CINEMA Sul pianeta Pandora, il popolo dei Návi ha una profonda connessione con la foresta, una rete di energia che scorre in tutte le creature viventi… • Una rete di energia (da Avatar di James Cameron)