VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 2

DIDATTICA INCLUSIVA La pioggia cade Leggi e ascolta una breve poesia. Che cosa dice la poetessa È un giorno di pioggia. La poetessa è alla finestra e descrive lo spettacolo: la pioggia bagna i giardini e anche i piccoli animali; prima cade lentamente, goccia a goccia, sui tetti; poi diventa più forte; si formano rivoli d’acqua e le cartacce buttate a terra diventano navi tra le onde. La pioggia cade bagna giardini, piante, gattini. La pioggia cade in gocce rade e tamburella1 su tetti, strade. La pioggia cade forma ruscelli e le cartacce presto saranno tanti vascelli2. (Fernande Huc, in Con il sole e con la pioggia, Einaudi Ragazzi) DIZIONARIO MULTILINGUE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE onomatopea: parola che imita suoni, rumori, versi di animali (drin, dindon, sibilare…). rima: serie di suoni uguali ripetuti nelle parole finali dei versi (mondo - profondo). strofa: gruppo di più versi. verso: insieme di parole scritte su una riga, in una poesia. 1. tamburella: batte con colpi veloci e numerosi. Sinonimi: picchietta, martella. Fa pensare al suono di chi suona il tamburello. 2. vascelli: navi. Nel Seicento i vascelli erano grandi navi da guerra con tante vele. COMPRENDERE 1. Riordina i disegni, scrivendo per ciascuno il numero della strofa corrispondente. 1 La pioggia cade bagna giardini, piante, gattini. 2 La pioggia cade in gocce rade e tamburella su tetti, strade. 3 La pioggia cade forma ruscelli e le cartacce presto saranno tanti vascelli. 2. Questa poesia è A. molto triste, descrive una giornata cupa e grigia B. tenera e fantasiosa, per le immagini dei gattini e dei vascelli C. paurosa, sembra di sentire il suono dei tuoni e di vedere il bagliore dei lampi ANALIZZARE 3. Alcune parole delle poesie sono in rima, hanno cioè gli stessi suoni finali. Quali delle parole della poesia che hai letto sono in rima e quali no? a. cade-giardini b. giardini-gattini c. cade-rade d. rade-strade e. tamburella-ruscelli f. ruscelli-vascelli g. cartacce-vascelli h. forma-presto 4. Osserva ancora le tre strofe della poesia che hai letto. In quale ci sono 2 parole in rima? In quale ci sono 3 parole in rima? La pioggia cade bagna giardini, piante, gattini. parole in rima n. ................. La pioggia cade in gocce rade e tamburella su tetti, strade. parole in rima n. ................. La pioggia cade forma ruscelli e le cartacce presto saranno tanti vascelli. parole in rima n. ................. 5. Perché la poetessa ha scelto di usare le rime? A. Per ottenere un effetto musicale, simile al rumore della pioggia B. Per essere precisa: la poesia ricorda un testo scientifico sulle precipitazioni C. Per accontentare il lettore: tutti sanno che in una poesia ci sono le rime! 6. Hai già imparato che nella poesia spesso si usano parole che ricordano i suoni presenti nella realtà. Queste parole si chiamano onomatopee. Un’onomatopea è, per esempio, il «drin» che ricorda il suono del campanello o il «din don» che ricorda il suono delle campane. a. Quale parola, in questi versi, è un’onomatopea che riproduce il rumore della pioggia? Sottolineala. Bagna giardini, piante, gattini e tamburella su tetti, strade e le cartacce presto saranno tanti vascelli. b. Quali tra le parole seguenti sono onomatopee? A. fruscìo B. freddo C. ronzare D. romanzo 7. Nella poesia che hai letto le strofe sono A. 3 B. 4 C. 2 8. Le strofe sono composte A. ciascuna da 4 versi B. ciascuna da 12 versi C. la prima da 3 versi, la seconda da 4 e la terza da 5 9. Conta le sillabe dei seguenti versi. Il lavoro è avviato. La / piog / gia / ca / de ba / gna / giar / di / ni p i a n t e , g a t t i n i . Da quante sillabe sono composti i versi? ESPRIMERE E VALUTARE 10. Ti è piaciuta questa poesia? Quale immagine ti sembra più bella da ricordare? RICORDA Nelle poesie non si va a capo quando finisce la riga, ma quando lo decide il poeta. Il verso è dunque l’insieme delle parole che occupano un certo spazio nella riga. I versi sono riuniti in gruppi che si chiamano strofe. Le strofe sono separate tra loro da uno spazio bianco.
DIDATTICA INCLUSIVA La pioggia cade Leggi e ascolta una breve poesia. Che cosa dice la poetessa È un giorno di pioggia. La poetessa è alla finestra e descrive lo spettacolo: la pioggia bagna i giardini e anche i piccoli animali; prima cade lentamente, goccia a goccia, sui tetti; poi diventa più forte; si formano rivoli d’acqua e le cartacce buttate a terra diventano navi tra le onde. La pioggia cade bagna giardini, piante, gattini. La pioggia cade in gocce rade e tamburella1 su tetti, strade. La pioggia cade forma ruscelli e le cartacce presto saranno tanti vascelli2. (Fernande Huc, in Con il sole e con la pioggia, Einaudi Ragazzi) DIZIONARIO MULTILINGUE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE onomatopea: parola che imita suoni, rumori, versi di animali (drin, dindon, sibilare…). rima: serie di suoni uguali ripetuti nelle parole finali dei versi (mondo - profondo). strofa: gruppo di più versi. verso: insieme di parole scritte su una riga, in una poesia. 1. tamburella: batte con colpi veloci e numerosi. Sinonimi: picchietta, martella. Fa pensare al suono di chi suona il tamburello. 2. vascelli: navi. Nel Seicento i vascelli erano grandi navi da guerra con tante vele. COMPRENDERE 1. Riordina i disegni, scrivendo per ciascuno il numero della strofa corrispondente. 1 La pioggia cade bagna giardini, piante, gattini. 2 La pioggia cade in gocce rade e tamburella su tetti, strade. 3 La pioggia cade forma ruscelli e le cartacce presto saranno tanti vascelli. 2. Questa poesia è A. molto triste, descrive una giornata cupa e grigia B. tenera e fantasiosa, per le immagini dei gattini e dei vascelli C. paurosa, sembra di sentire il suono dei tuoni e di vedere il bagliore dei lampi ANALIZZARE 3. Alcune parole delle poesie sono in rima, hanno cioè gli stessi suoni finali. Quali delle parole della poesia che hai letto sono in rima e quali no? a. cade-giardini b. giardini-gattini c. cade-rade d. rade-strade e. tamburella-ruscelli f. ruscelli-vascelli g. cartacce-vascelli h. forma-presto 4. Osserva ancora le tre strofe della poesia che hai letto. In quale ci sono 2 parole in rima? In quale ci sono 3 parole in rima? La pioggia cade bagna giardini, piante, gattini. parole in rima n. ................. La pioggia cade in gocce rade e tamburella su tetti, strade. parole in rima n. ................. La pioggia cade forma ruscelli e le cartacce presto saranno tanti vascelli. parole in rima n. ................. 5. Perché la poetessa ha scelto di usare le rime? A. Per ottenere un effetto musicale, simile al rumore della pioggia B. Per essere precisa: la poesia ricorda un testo scientifico sulle precipitazioni C. Per accontentare il lettore: tutti sanno che in una poesia ci sono le rime! 6. Hai già imparato che nella poesia spesso si usano parole che ricordano i suoni presenti nella realtà. Queste parole si chiamano onomatopee. Un’onomatopea è, per esempio, il «drin» che ricorda il suono del campanello o il «din don» che ricorda il suono delle campane. a. Quale parola, in questi versi, è un’onomatopea che riproduce il rumore della pioggia? Sottolineala. Bagna giardini, piante, gattini e tamburella su tetti, strade e le cartacce presto saranno tanti vascelli. b. Quali tra le parole seguenti sono onomatopee? A. fruscìo  B. freddo  C. ronzare  D. romanzo 7. Nella poesia che hai letto le strofe sono A. 3 B. 4 C. 2 8. Le strofe sono composte A. ciascuna da 4 versi B. ciascuna da 12 versi C. la prima da 3 versi, la seconda da 4 e la terza da 5 9. Conta le sillabe dei seguenti versi. Il lavoro è avviato. La / piog / gia / ca / de ba / gna / giar / di / ni p i a n t e , g a t t i n i . Da quante sillabe sono composti i versi? ESPRIMERE E VALUTARE 10. Ti è piaciuta questa poesia? Quale immagine ti sembra più bella da ricordare? RICORDA Nelle poesie non si va a capo quando finisce la riga, ma quando lo decide il poeta. Il verso è dunque l’insieme delle parole che occupano un certo spazio nella riga. I versi sono riuniti in gruppi che si chiamano strofe. Le strofe sono separate tra loro da uno spazio bianco.