VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO

i Miti degli Dèi e degli Eroi 3. inferriata: grata di ferro che chiude l ingresso della cella. Avvicinandosi all inferriata3, Arianna mormorò: Sono una persona che non vuole la tua morte. [ ] Teseo, ho portato due cose per te. Questa è la prima e così dicendo trasse di 60 sotto la tunica una forte spada e la porse. Impugnandola il giovane esclamò sommessamente: Ah! Non temo più nessuno, ora, e meno che mai il Minotauro! E quale altra cosa mi hai portato, dolce Arianna? Eccola rispose la fanciulla. 65 Teseo prese quanto ella gli porse e chiese sorpreso: Un gomitolo di corda? E a che mi servirà? Anche vincendo il Minotauro spiegò Arianna saresti perduto, perché non riusciresti mai ad uscire dal Labirinto. Con questo invece potrai facilmente ritrovare la strada, comprendi come? 70 Ah e il giovane s illuminò in volto certo! Lo svolgerò cammin facendo, e riavvolgendolo troverò la strada percorsa! [ ] Questo filo ti renderà sacra alla leggenda, Arianna. Forse, Teseo. Ma ora devo andare perché già canta l allodola e l alba s avvicina 75 Arianna stava per andarsene, ma lui la trattenne prendendola per una mano e le chiese: Perché fai questo? Rispose lei guardandolo fissamente: Non lo so. 80 Quando sarò uscito dal Labirinto andrò alla mia nave. Ti prego, sali su di essa e aspettami là. Ti porterò con me. Perché lo faresti? domandò Arianna in un soffio. Teseo rispose: Non lo so. 85 Invece essi sapevano benissimo, ormai, di amarsi. Teseo e gli ostaggi sono condotti al Labirinto, ma solo Teseo avanza nei corridoi svolgendo il filo; gli altri si fermano poco oltre l ingresso. Dopo essersi aggirato a lungo tra le stanze, Teseo sente dei passi e un cupo brontolio L eroe aveva pensato a lungo a quel momento e a come affrontarlo. Nelle sue avventure, aveva sostenuto molti duelli e quindi visto molti combattenti: qualcuno attendeva immobile d essere attaccato, altri indietreggiavano di qualche passo e subito di qualche passo avanza90 vano, per confondere l avversario; altri attaccavano, invece, ed erano questi che più spesso vincevano. Teseo però sapeva di non poter attaccare subito, perché rischiava di uscire dallo slargo ed essere condotto in qualche vicolo senza ritorno; restò quindi immobile mentre 70 5394B_MET Mi_Ep.indd 70 26/01/18 13:09
VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO