VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO

I MITI DELLE METAMORFOSI Eco e Narciso AUDIO Ti presentiamo alcuni miti in cui l origine di elementi e fenomeni naturali viene spiegata come la conseguenza di un premio o di una punizione da parte degli dèi. In questi miti assistiamo a metamòrfosi, cioè a trasformazioni di esseri viventi in oggetti o elementi dalle caratteristiche completamente diverse. (mito greco) Il testo In questo mito greco compaiono le ninfe, divinità minori femminili della mitologia greca che vivevano nei boschi, sui monti e nei fiumi. Leggi riflettendo sui sentimenti manifestati dagli dèi e dagli uomini, e sulle loro conseguenze. Questa è la storia di Eco, una ninfa che non sapeva stare zitta e di Narciso, un giovane bellissimo ma davvero troppo superbo. Un tempo Eco era una ninfa come tante altre. Come le sue sorelle viveva nei boschi, correva sui prati e faceva il bagno nelle acque fre5 sche dei torrenti. Eco però aveva una dote particolare: poteva parlare per ore e ore di qualsiasi argomento senza stancarsi mai e soprattutto senza mai stancare chi la ascoltava. Era talmente brava a parlare, che Giove decise di approfittarne. Così, mentre Eco tratteneva sua moglie Giunone con mille discorsi, 10 lui, indisturbato, corteggiava le ninfe dei boschi. Ma un giorno Giunone scoprì l inganno. Hai voluto divertirti alle mie spalle! strillò la regina degli dèi, puntando il dito accusatore contro Eco. Dolce Giunone, io sono una semplice ninfa dei boschi. Non ose15 rei mai e poi mai ingannarti si difese Eco. Non solo tu sei la più importante e la più potente tra le dee, ma anche la più gentile, la più amabile e la più Ah no! Non riuscirai a farmela di nuovo! la interruppe Giunone. Hai finito per sempre di rimbambire la gente con le tue chiac20 chiere! D ora in poi non potrai far altro che ripetere le ultime parole che udrai pronunciare! Solo quelle e basta! Eco aveva già in mente un lungo e commovente discorso per giustificarsi, ma quando aprì la bocca, con orrore si accorse di riuscire a dire solo: Basta, basta e poi niente più. Povera Eco, invano pro25 vava a parlare. Ma lei, un tempo così abile nell incantare le persone, non riusciva più a esprimere i suoi pensieri. Fuggì via disperata e si andò a rifugiare nel folto del bosco. 60 5394B_MET Mi_Ep.indd 60 26/01/18 13:08
VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO