VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO

MISURA LE TUE COMPETENZE 6. a bella posta: apposta, di proposito. 7. rampognare: rimproverare aspramente. un isola in mezzo al Reno, dove ebbe luogo la battuta. Molta selvaggina fu uccisa. Sigfrido catturò anche un orso e lo portò vivo al campo, dove i cuochi stavano arrostendo sugli spiedi le carni della selvaggina: e qui l orso fece fuggire i cuochi, rovesciò paioli e calpestò i fuochi tra le risate dei cacciatori. 35 Poi, quando le vivande furono pronte, i cacciatori banchettarono. Ma Hagen, a bella posta6, non aveva fatto portare il vino: disse che l aveva dimenticato. Ma disse anche che c era una limpida fonte non molto lontano, e lì avrebbero potuto dissetarsi. Propose anzi di andarci correndo a gara, poiché aveva sentito dire che nessuno poteva 40 battere Sigfrido in velocità. Sigfrido, ignaro del tranello che gli si tesseva intorno, accettò la sfida, e diede ai suoi rivali anche il vantaggio di partire per primi. Ma egli era veramente più veloce di tutti, e li sorpassò e giunse alla fonte prima di loro. Avrebbe potuto dissetare subito la sua sete, e in tal modo forse 45 avrebbe salvato la vita. Ma per la sua grande cortesia volle attendere che giungesse il re ospite e bevesse per primo. Solo dopo che Gunther si fu dissetato, posò a un tronco la sua lancia e si chinò sulla fonte a bere. Hagen, che si teneva pronto, afferrò la lancia di Sigfrido e si avvicinò al principe curvo sull acqua e mirò alla croce d oro sul suo dorso. 50 Lì inferse il colpo, con tanta forza che la punta della lancia attraversò tutto il corpo dell eroe e uscì dal petto. Sigfrido si alzò, benché ferito a morte, e cercava un arma da scagliare contro l uccisore che fuggiva veloce. Ma Hagen aveva portato via tutte le sue armi. Trovò solo lo scudo e glielo scagliò nella schiena con tanta forza che lo gettò a terra 55 e molte pietre preziose si staccarono, nell urto, dallo scudo. Ma la morte era ormai sopra di lui. Cadde tra i fiori lo sposo di Crimilde, e cominciò a rampognare7 quelli che lo avevano ucciso a tradimento. Disse: Così male avete compensato l aiuto che sempre vi ho dato, così 60 ricambiate la mia lealtà. E pensava a tutto quello che aveva fatto per i re burgundi, e per Gunther in particolare. Accorsero tutti quelli che erano presenti alla caccia, e tutti lamentavano la grande sciagura. Allora Hagen, ritto accanto al morente, disse: Non c è motivo di piangere. Sia lode a me che ho posto fine al 65 suo potere. Ora nessuno può reggere il confronto con i re burgundi! L eroe morente ebbe ancora parole di dolore per la sposa che restava abbandonata e per il figlio fanciullo; poi raccomandò Crimilde ai suoi fratelli e morì. 30 2 L Epica medievale 5394B_MET Mi_Ep.indd 287 287 26/01/18 13:29
VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO