VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO

STRUMENTI 17. Il ciclo bretone o di re Artù I cavalieri della Tavola rotonda Anche la famosa Tavola rotonda sarebbe stata creata su suggerimento di Merlino. Si trovava a Camelot, la leggendaria residenza di re Artù. Vi sedevano i cavalieri più coraggiosi e importanti della corte di Artù. A seconda dei racconti, il loro numero varia da 12 a 150. Il più famoso era Lancillotto, a sua volta protagonista di romanzi cavallereschi. Ma perché la tavola era rotonda? Perché tutti i cavalieri di re Artù avevano la medesima importanza ed erano legati tra loro da un rapporto di solidarietà e lealtà. Infatti, a una tavola rotonda non può esserci un capotavola, cioè non ci sono posti più prestigiosi di altri. Le avventure di Lancillotto Lancillotto è l eroe che impersona l ideale del perfetto cavaliere, valente nelle armi e innamorato, senza alcuna speranza, della regina Ginevra, moglie di re Artù. In seguito alla morte del re, Ginevra si ritira in un convento e Lancillotto, dopo aver vendicato il suo sovrano, diventa eremita. La storia di Perceval Perceval è un giovane ingenuo e ignaro del mondo, che la madre vuole tenere lontano dall ambiente della cavalleria, al cui servizio hanno perso la vita il marito e altri due figli. Ma Perceval, affascinato da alcuni cavalieri che incontra, decide di partire in cerca di avventure. La ricerca del Graal La figura di Perceval è legata in particolare a un impresa nella quale tutti i cavalieri aspirano a cimentarsi: la ricerca del Graal, che secondo la leggenda è la coppa usata da Cristo nell ultima cena e in cui fu poi raccolto il sangue sgorgato dalle sue ferite sulla croce. Questa ricerca ha un valore simbolico: rappresenta la ricerca del Bene, che deve essere tentata sebbene sia piena di difficoltà e di pericoli. L amore di Tristano e Isotta Tristano è il nipote del re Marco di Cornovaglia. un giovane bello e valoroso che presto diventa un perfetto cavaliere. Messosi al servizio del re Marco, compie per lui molte imprese straordinarie, tra cui quella di liberare da un drago Isotta, che aveva promesso di condurre in sposa allo zio. Insieme a Isotta, però, beve per errore un filtro che farà nascere tra loro un amore invincibile 258 2 L Epica medievale 5394B_MET Mi_Ep.indd 258 26/01/18 13:26
VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO