VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO

I miti della creazione 2. confricazione: strofinamento. L uomo imparò a costruirsi la casa con legno e zolle, a fabbricarsi canoe ricoperte di pelle e slitte di legno e osso. Scoprì come farsi il fuoco con un pezzetto di legno, per confricazione2, e con il fuoco 65 scaldarsi e cucinarsi il cibo. Sua moglie preparava aghi d osso e fili ottenuti da tendini di animali uccisi, e imparò a trasformare le pelli in abiti caldi e in stivali impermeabili. Altri tre uomini caddero dai baccelli del pisello e Corvo fece per loro tutto quanto aveva fatto per il primo, ripetendo sempre l avverti70 mento di non cacciare in misura eccessiva per non ridurre il numero degli animali. I figli dei nuovi uomini crebbero rapidissimamente, come del resto i loro figli e i figli dei loro figli, sicché la gente ben presto fu molto numerosa e i loro villaggi si diffusero sulla Terra. Appresero molto bene le lezioni di Corvo e divennero cacciatori esperti 75 e coraggiosi. Poi, però, gli uomini divennero avidi, dimenticarono gli insegnamenti di Corvo e cominciarono a uccidere troppi animali. Corvo allora, deluso e irritato, decise di ritirarsi in Cielo, abbandonando per sempre la Terra, e di portar via con sé il sole in un sacco di pelle di caribù per punire gli uomini superbi. 80 Ed ecco che la tenebra tornò a coprire la Terra e la gente si spaventò moltissimo, perché non ci vedeva più e perciò non poteva né cacciare né pescare; gli uomini cadevano nei fiumi e perdevano la strada nei loro stessi villaggi. Di tanto in tanto, Corvo provava pietà di loro e scopriva il sole per 85 un giorno o due, in modo che potessero cacciare e pescare; poi però tornava a nasconderlo. In Cielo, Corvo prese in moglie una giovane oca bianca. Ebbero un figlio, Piccolo Corvo. Un giorno che Corvo dormiva, Piccolo Corvo si avvicinò in gran silenzio alla cassa in cui era rinchiuso il sole e ne estrasse il sacco che lo conteneva. Proprio 90 in quella Corvo si svegliò, e Piccolo Corvo, preso dal panico, scappò portandosi via il sole. Corvo si precipitò al suo inseguimento, ma il figlio volava sempre più in alto; temendo che volesse tenerlo per sé, Corvo gli gridò dietro: Non nascondere il sole per sempre! Lascia che ogni tanto splen95 da sulla Terra! Alto nel Cielo, Piccolo Corvo udì il richiamo del padre e, aperto il sacco, rimise il sole al suo vecchio posto, sicché la luce tornò sulla Terra. Ma non era più quella perenne di un tempo, perché Piccolo Corvo, con un colpo d ala, mise in movimento il Cielo attorno alla 100 Terra, e il Cielo portò con sé il sole. In tal modo, vennero in essere il giorno e la notte. (Tratto da: Marion Wood, Dèi ed eroi della mitologia nordamericana, Mondadori) 24 5394B_MET Mi_Ep.indd 24 26/01/18 13:08
VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO