VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO

Papa e Rangi, Terra e Cielo AUDIO Il mito (mito maori) Il testo Ognuno di noi trova naturale, osservando ciò che lo circonda, alzare gli occhi per guardare il cielo e abbassarli per contemplare la terra. Ma non è sempre stato così, terra e cielo non sono sempre stati dove noi oggi li cerchiamo con lo sguardo, e può darsi che il mondo così come lo vediamo abbia avuto un origine che a qualcuno ha causato molto dolore. L origine del mito I MAORI sono un popolo della Polinesia diffuso soprattutto nel nord della Nuova Zelanda (stato insulare dell Oceania, situato nell Oceano Pacifico meridionale). AUSTRALIA NUOVA ZELANDA Il Cielo e la Terra non sono stati sempre separati come oggi. In principio niente separava il Cielo dalla Terra. Papa, dea della Terra, e 5 Rangi, dio del Cielo, si amavano e si tenevano stretti in un abbraccio ininterrotto. Perché avrebbero dovuto separarsi se la loro felicità era restare così, uniti l uno all altra? 10 Tra la Terra e il Cielo non c era né aria né luce, tanto Rangi stringeva Papa, e tanto Papa abbracciava Rangi. Papa e Rangi misero al mondo tre figli: Tangaroa, dio del mare, Tane, dio delle 15 foreste e Tawhiri, dio dei venti. Tutti e tre erano prigionieri della stretta dei loro genitori. Cento volte tentarono di fuggire, cento volte fallirono. A Tane, dio delle foreste, che era il più forte dei tre figli di Papa e Rangi, venne l idea: puntò i piedi contro Papa, la Terra, e la testa con20 tro Rangi, il Cielo, e si mise a spingere. Spinse e spinse in quel modo, i piedi contro Papa e la testa contro Rangi, per anni e anni; spinse a tal punto che riuscì a staccare dal loro abbraccio Papa e Rangi. Fu così che divennero il Cielo che noi conosciamo, sopra le nostre teste, e la Terra sotto i nostri piedi. 25 La luce filtrava tra gli sposi separati e la Terra si coprì di piante e di alberi. I tre figli liberati iniziarono la creazione del mondo. Tane creò la Luna e il Sole, decorò il cielo, diede vita alla prima donna, Hine, e la sposò. I loro figli furono i primi uomini. Benché tutto ciò fosse bello, Papa e Rangi soffrivano per la loro 30 separazione. Rangi pianse a lungo e le sue lacrime formarono fiumi e oceani. La rugiada e la nebbia invece erano le lacrime versate da Papa per la perdita del suo sposo. L erba e le piante crescevano fitte, strette l una accanto all altra: il dolore di Papa e Rangi dava forza alla vita nascente. 35 Il mondo ha sicuramente avuto origine grazie a tutto questo dolore e ha continuato a crescere in questo modo. (Tratto da: Beno t Reiss, Il mondo prima del mondo. Miti delle origini, Einaudi Ragazzi) 19 5394B_MET Mi_Ep.indd 19 26/01/18 13:08
VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO