VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO

STRUMENTI 8. ai tempi di omero L esercito Probabilmente non più di cinquemila Greci si recarono a Troia. Nessuno di loro era soldato di mestiere. In Grecia ogni cittadino era addestrato alle armi. Ogni re conosceva i suoi uomini personalmente ed era in grado di chiamarli tutti per nome. Per radunare le truppe bastava un ora. I più importanti erano gli eroi, tutti nobili o candidati alla nobiltà, che con pesanti armature si precipitavano fuori dalle file con i cocchi per sostenere combattimenti individuali. Gli eroi erano relativamente pochi. Seguivano gli astati, soldati armati di lancia, protetti solo da rigide pelli non conciate appese al collo; costoro formavano la prima linea di combattimento, impegnavano il nemico in battaglia e aiutavano gli eroi a uscire dalle situazioni pericolose se si trovavano abbastanza vicini per farlo. I frombolieri (armati di un particolare tipo di fionda) e gli arcieri, che formavano la retroguardia, indossavano pelli di lupo o di orso con le zampe ciondoloni. Gli eroi e i duelli Il momento cruciale di ogni battaglia era il duello tra gli eroi, campioni delle due parti. Un eroe irrompeva con il cocchio guidato da un amico fidato, l auriga. Sceso dal cocchio, si piazzava dietro un enorme scudo cerchiato di metallo. Il peso di questo arnese, composto da sette pelli di bue, raggiungeva gli ottanta chili. Se l eroe cadeva all indietro tirandosi addosso lo scudo, non era più in grado di rialzarsi senza aiuto. In un primo momento gli eroi si scagliavano le lance; poi, se erano ancora in grado di combattere, si battevano con le spade. Alcuni lottavano anche con le mazze e tutti portavano pugnali. Una volta abbattuto l eroe, cominciava la lotta per la sua armatura. I suoi uomini cercavano di recuperarla, mentre lo scopo del vincitore e del suo auriga era di strapparla e fuggire o di attaccare il cadavere al cocchio e trascinarlo dietro le linee, dove l armatura poteva essere tolta con comodo. Valeva la pena di correre rischi, dal momento che il prezzo dell armatura si aggirava su una media di nove capi di bovini, ma poteva arrivare anche fino a cento. (Adatt. da: Carleton S. Coon, Storia dell uomo, Garzanti) PER SAPERNE DI PI L epica classica e l arte 186 2 L Epica classica 5394B_MET Mi_Ep.indd 186 26/01/18 13:17
VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO