VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO

gli eroi in viaggio: l odissea 22. ramingo: dopo aver vagato a lungo. Padre mio, Poseidone, Signore del Mare, non permettere mai che Odisseo ritorni alla sua terra. E se proprio è destino che ci arrivi, voglio che ci arrivi da solo, ramingo22, perdute tutte le navi e tutti i compagni, su nave straniera: e in casa trovi sciagure! Poi scagliò un altro pietrone: ma questa volta il bolide cadde dietro la poppa della nave e ci spinse più al largo. E ci sentivamo lieti, perché ci credevamo al sicuro. Ma Poseidone aveva udito la preghiera del figlio, e voi vedete bene come sono arrivato alla vostra terra! (Tratto da: R. Calzecchi Onesti, Storia di Re Odisseo, Editrice Piccoli) COMPRENDERE 1. Quali sono i momenti più drammatici dell episodio? 2. Perché Ulisse decide di accecare il Ciclope? Trova e sottolinea nel testo la frase che fornisce la risposta. IL LINGUAGGIO EPICO 3. Ti elenchiamo alcuni dei termini più espressivi del brano che hai appena letto (riportati in corsivo) accompagnati da altri che hanno lo stesso significato, ma diversa intensità. Trascrivili secondo la loro gradazione, dal più debole al più forte . fragore rumore fruscio terrorizzati timorosi spaventati brutto orrido spiacevole crudele maligno cattivo lanciare scagliare inviare imponente grande gigantesco 4. Quesito INVALSI Parlando del Ciclope, Ulisse ne evidenzia la superiorità fisica, a cui corrisponde, però, un inferiorità intellettuale. Quella di Polifemo, dice l eroe, è «forza bruta : che cosa significa l aggettivo bruto ? A. Dall aspetto sgradevole B. Privo di ragione C. Privo di bellezza D. Brusco, sgarbato 5. Che cosa vedono nella grotta Ulisse e i suoi compagni? Per quale ragione l autore fa una descrizione così ricca di particolari? A chi si rivolge? 164 5394B_MET Mi_Ep.indd 164 26/01/18 13:16
VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO