VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO

STRUMENTI 5. Il poema della guerra La leggenda Tutto ha inizio durante un banchetto degli dèi: infatti la leggenda ci porta sulla vetta dell Olimpo, dove si celebravano le nozze tra il re Peleo e la divinità marina Teti. La dea Discordia, adirata per non aver ricevuto alcun invito, scagliò tra i convitati una mela d oro con la scritta: «Alla più bella , provocando una furibonda lite tra le dee. La mela era infatti contesa da Atena, Era e Afrodite. Per risolvere la controversia, Zeus inviò le tre dee sul monte Ida affinché fossero giudicate da un pastore, di nome Paride. Paride era in realtà un principe troiano, allontanato dal padre Priamo in seguito a un oracolo, che lo aveva indicato come causa di una futura grave sciagura per la sua patria. Prima che Paride esprimesse il suo giudizio, le tre dee si presentarono a lui di nascosto, cercando di ottenere la sua preferenza con la promessa di doni straordinari: Era gli promise la potenza, Atena l invincibilità in guerra, Afrodite l amore della donna più bella del mondo. Paride scelse quest ultima, suscitando l odio delle altre due che, da quel momento, diventarono irriducibili nemiche del popolo troiano. Afrodite, dea dell amore, indusse allora Elena, moglie del re acheo Menelao e donna dalla bellezza eccezionale, a innamorarsi di Paride, e aiutò quest ultimo a rapirla. Menelao, per vendetta, organizzò una spedizione contro la città di Troia. Il fratello Agamennone prese il comando dell impresa, a cui parteciparono i più importanti re e principi greci. La guerra durò dieci anni e, nonostante il valore dei soldati greci, Troia cadde solo grazie a uno stratagemma ideato dall astuto Ulisse. I Greci finsero infatti di ritirarsi e lasciarono sulla spiaggia un grande cavallo di legno che i Troiani, ingenuamente, introdussero nella città ritenendolo un offerta agli dèi. Nel ventre del cavallo erano invece nascosti alcuni soldati greci che, durante la notte, aprirono le porte della città ai compagni nel frattempo sbarcati dalle navi. PER SAPERNE DI PI Secondo la recente ipotesi di un archeologo, il cavallo di Troia era una nave, un tipo di imbarcazione fenicia. F. Tiboni, Il cavallo? Era una nave! 104 2 L epica 5394B_MET Mi_Ep.indd 104 26/01/18 13:12
VOLTIAMO PAGINA MITO EPICA TEATRO