VERIFICA FORMATIVA con autovalutazione

VERIFICA FORMATIVA con autovalutazione ASCOLTO Luonnotar e la nascita del mondo Elena Primicerio Testo sulla Guida per l’insegnante PRIMA DELL’ASCOLTO Leggi le richieste di tutti gli esercizi che ti proponiamo. Tieni una matita a portata di mano per gli esercizi da svolgere durante l’ascolto e attiva la tua attenzione! DURANTE E DOPO L’ASCOLTO 1. Che cosa c’era «nel tempo più lontano che ci sia»? Numera in ordine i quadratini. ☐ Il mare ☐ L’aria ☐ infinito e immenso ☐ immensa e infinita 2. Segna le scelte esatte. a. Luonnotar era figlia ☐ dell’aria ☐ del cielo b. Si stancò di quella ☐ malinconia ☐ monotonia c. Scese dalla sua ☐ casa azzurra ☐ nuvola azzurra d. Cominciò a ☐ vagare ☐ andare ☐ sull’acqua ☐ sul mare 3. A un certo punto, Luonnotar si stancò e... Completa. Si adagiò sulle ..................................................., poggiò il capo sulla ................................................... bianca e lasciò che i .................................................... si sciogliessero e .................................................... intorno al suo .................................................... 4. Chi compare, mentre Luonnotar giace addormentata? 5. Riordina gli eventi: numera correttamente i quadratini. ☐ Ma vedeva solo una distesa infinita d’acqua. ☐ L’aquila cercava un nido per deporre le uova. ☐ Luonnotar vide l’aquila volare verso di lei. ☐ L’aquila agitava le ali stanchissima. ☐ L’aquila raggiunse Luonnotar e fece il nido su un ginocchio della dea. ☐ Il battito d’ali dell’aquila risvegliò Luonnotar. 6. Dopo essersi avvicinata a. quante uova depose l’aquila? b. di che cosa erano fatte le uova? c. per quanto tempo le covò? ☐ tre giorni e tre notti ☐ tre giorni ☐ sei giorni 7. A quel punto accadde un prodigio: di che cosa si tratta? Fai i collegamenti giusti tracciando frecce con la matita. I gusci delle uova d’oro si trasformano in I rossi tuorli si trasformano in Il guscio dell’uovo di ferro si trasforma in nubi cielo e terra sole, luna e stelle 8. Che cosa si origina, dunque, dalle trasformazioni prodigiose? 9. In seguito, Luonnotar si sollevò dalle acque formando che cosa? Per mezzo di cosa? Collega in modo corretto. insenature e baie monti e valli vaste pianure laghi, fiumi e cascate con i suoi capelli con le braccia distese con i suoi piedi d’argento con le sue agili dita 10. Attraverso la «nascita» di fiumi, valli, pianure e baie, il mito vuole spiegare anche l’origine di un Paese europeo: quale? AUTOVALUTAZIONE • Ho trovato l’ascolto del mito ☐ facile ☐ di media difficoltà ☐ difficile • Negli esercizi ☐ ho capito le consegne ☐ non ho capito bene le consegne ☐ conoscevo il significato delle parole ☐ non conoscevo il significato delle parole • Ho avuto difficoltà a rispondere alle domande n° ..........
VERIFICA FORMATIVA con autovalutazione ASCOLTO Luonnotar e la nascita del mondo Elena Primicerio Testo sulla Guida per l’insegnante PRIMA DELL’ASCOLTO Leggi le richieste di tutti gli esercizi che ti proponiamo. Tieni una matita a portata di mano per gli esercizi da svolgere durante l’ascolto e attiva la tua attenzione! DURANTE E DOPO L’ASCOLTO 1. Che cosa c’era «nel tempo più lontano che ci sia»? Numera in ordine i quadratini. ☐ Il mare  ☐ L’aria ☐ infinito e immenso  ☐ immensa e infinita 2. Segna le scelte esatte. a. Luonnotar era figlia ☐ dell’aria ☐ del cielo b. Si stancò di quella ☐ malinconia ☐ monotonia c. Scese dalla sua ☐ casa azzurra ☐ nuvola azzurra d. Cominciò a ☐ vagare ☐ andare ☐ sull’acqua ☐ sul mare 3. A un certo punto, Luonnotar si stancò e... Completa. Si adagiò sulle ..................................................., poggiò il capo sulla ................................................... bianca e lasciò che i .................................................... si sciogliessero e .................................................... intorno al suo .................................................... 4. Chi compare, mentre Luonnotar giace addormentata? 5. Riordina gli eventi: numera correttamente i quadratini. ☐ Ma vedeva solo una distesa infinita d’acqua. ☐ L’aquila cercava un nido per deporre le uova. ☐ Luonnotar vide l’aquila volare verso di lei. ☐ L’aquila agitava le ali stanchissima. ☐ L’aquila raggiunse Luonnotar e fece il nido su un ginocchio della dea. ☐ Il battito d’ali dell’aquila risvegliò Luonnotar. 6. Dopo essersi avvicinata a. quante uova depose l’aquila? b. di che cosa erano fatte le uova?  c. per quanto tempo le covò? ☐ tre giorni e tre notti  ☐ tre giorni  ☐ sei giorni 7. A quel punto accadde un prodigio: di che cosa si tratta? Fai i collegamenti giusti tracciando frecce con la matita. I gusci delle uova d’oro si trasformano in I rossi tuorli si trasformano in Il guscio dell’uovo di ferro si trasforma in nubi cielo e terra sole, luna e stelle 8. Che cosa si origina, dunque, dalle trasformazioni prodigiose? 9. In seguito, Luonnotar si sollevò dalle acque formando che cosa? Per mezzo di cosa? Collega in modo corretto. insenature e baie monti e valli vaste pianure laghi, fiumi e cascate con i suoi capelli con le braccia distese con i suoi piedi d’argento con le sue agili dita 10. Attraverso la «nascita» di fiumi, valli, pianure e baie, il mito vuole spiegare anche l’origine di un Paese europeo: quale? AUTOVALUTAZIONE • Ho trovato l’ascolto del mito ☐ facile ☐ di media difficoltà ☐ difficile • Negli esercizi ☐ ho capito le consegne ☐ non ho capito bene le consegne ☐ conoscevo il significato delle parole ☐ non conoscevo il significato delle parole • Ho avuto difficoltà a rispondere alle domande n° ..........