VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

Odoacre, primo imperatore barbaro SITUAZIONE INIZIALE Nella reggia di Ravenna Odoacre, seduto sul trono regale dei Cesari 1 come un imperatore romano, invita Flavia Serena a sedersi, dopo aver fatto preparare una sedia di fronte a lui. La donna, anche se si trova nella condizione di prigioniera, resta in piedi, orgogliosa e superba. SVILUPPO Odoacre si rivolge alla nobile romana e le dice che la vuole come moglie. Egli sa che è disprezzato, in quanto barbaro, ma le offre di essere regina accanto a lui, in pace, per il bene dell Impero. Le spiega che ha ucciso suo marito, Oreste, perché non aveva mantenuto la promessa di dare le terre ai suoi uomini che avevano combattuto per lui nelle truppe imperiali. L Impero è inoltre in grave decadenza e ha bisogno di un vero sovrano, forte e deciso come lui, non di un imperatore bambino come suo figlio. La donna rimane immobile e con voce dura risponde che mai accetterà di diventare moglie di chi appartiene a popoli che la sua gente ha combattuto per secoli. Ella odia i barbari: il loro odore, l ignoranza, il suono della voce che assomiglia all abbaiare dei cani, la sporcizia Preferisce piuttosto la morte al matrimonio. CONCLUSIONE 1. Cesare: è il titolo attribuito a una persona degna del potere imperiale. Ha origine da Caio Giulio Cesare, per tradizione sbagliata considerato il primo imperatore romano (45 a.C.). Odoacre rimane umiliato e rattristato dalle pungenti parole di Flavia Serena, e capisce che non potrà mai vincere quel profondo disprezzo. Fin da quando combatteva come soldato nell esercito imperiale, era rimasto incantato dalla civiltà romana. Odoacre aveva provato nel cuore una grande ammirazione per la bellezza e le ricchezze delle grandi città e il loro straordinario patrimonio di cultura, e solo ora si rende conto amaramente che per lui l Impero è l unico posto al mondo in cui la vita può avere significato. (Adatt da: Valerio Massimo Manfredi, L ultima legione, Mondadori) 15 Pagine di storia 5394A_9-15_Temi.indd 753 753 26/01/18 12:49
VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1