VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

i temi Un buon piatto di spaghetti AUDIO CUCINARE BENE FACILE? NON SEMPRE! Giuseppe Marotta Il testo Due ragazzi decidono di prepararsi un piatto di spaghetti al sugo di pomodoro: una preparazione che sembra semplice semplice, ma 1. il commestibile: il cibo. 2. Un corpo immerso in un liquido: viene citato il famoso principio di Archimede (che qui non c entra affatto) sui solidi che galleggiano. 3. superflua: non necessaria. 4. zirlìo: è il verso del tordo, usato anche per indicare suoni acuti e sibilanti o, come in questo caso, rumori simili allo sfrigolìo della miccia. 5. danze propiziatorie: eseguite per rendere le divinità favorevoli all impresa che si sta per compiere. In casa non mancava il commestibile1. Si trattava di cucinare, è vero; ma Adalberto assicurò che con una modesta quantità di olio e di conserva di pomodoro si sentiva in grado di fare una salsa squisita. Poi disse c è una cassa di spaghetti. Credi che ci sia difficile 5 farne cuocere due porzioni per noi? Scegliemmo una pentola, e Adalberto disse: Quant acqua? Molta dissi. Ho sentito dire che la pasta va cotta in molta acqua. Lo dice anche Archimede. Un corpo immerso in un liquido2 10 Non fare lo sciocco disse e non mi distrarre, perché, in attesa che l acqua bolla, io preparo la salsa e ho bisogno di tutta la mia attenzione. Egli trovò una scatola di conserva di pomodoro e l aprì. Adoperò, per aprirla, la punta di un coltello; e poi disse che di conserva gliene 15 bastava una metà della scatola, quanto press a poco ce n era rimasta: quella sparsa sulla sua maglia era superflua3. Prese quindi una padella, la lavò, ci versò sopra alquanto olio e la mise sul fornello. Io lo osservavo attentamente e sono in grado di descrivere ogni particolare. Ecco che cosa avvenne. Adalberto accese il gas e assunse 20 un aria di serena fiducia. Passò qualche minuto; poi si udì uno strano sibilo, uno zirlìo4 sommesso, qualcosa che ricordava una miccia accesa: quindi una serie di scoppi. Contemporaneamente Adalberto emise un urlo, si portò le mani alla faccia e si mise a saltare in modo impressionante. 25 Che fai? dissi piacevolmente sorpreso. La riuscita di questa salsa implica forse l uso di danze propiziatorie5? Ma, senz avvedermene, avevo fatto due o tre passi verso il fornello; udii uno scoppio più forte degli altri e provai una crudele trafittura alla guancia destra. Non fui io a porgere l altra guancia; fu una 30 seconda goccia d olio bollente che vi si trasferì malvagiamente dalla padella. Altre la seguirono e rincorsero me e Adalberto per tutta la cucina, che non era grande. 725 5394A_9-15_Temi.indd 725 26/01/18 12:49
VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1