VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

i temi Largo alle ragazze AUDIO CHE COS CAMBIATO OGGI? Andrea Minoglio Il testo La protagonista del brano precedente, Anna, aveva sfidato il suo ambiente mettendosi a giocare con i maschi. Il racconto era ambientato prima della Seconda guerra mondiale, quindi circa ottant anni fa. E ora? Che cosa è cambiato, oggi, nel modo di considerare le donne? L autore Andrea Minoglio, nato a Milano nel 1968, è un giornalista e lavora per la rivista Focus Junior . Nel 2007 ha pubblicato un libro dal titolo I diritti dei bambini, in cui ha raccolto le opinioni di bambini e ragazzi dagli 8 ai 14 anni su quali pensano che siano i loro diritti. 1. Discriminazioni: il fatto di trattare in modo diverso, solitamente peggiore, in questo caso le donne. Dalla parte delle femmine «Un articolo dalla parte delle femmine ma siete matti? . Matti no. Però i numeri vogliamo darli. Eccoli: il 70% del volontariato è svolto da donne. Al contrario, il 95% dei crimini sono commessi da 5 uomini. Magari proprio contro le donne. Secondo una ricerca dell Università di Harvard, infatti, nel mondo la prima causa di morte per le donne dai 15 ai 44 anni è la violenza. Discriminazioni1. E in Italia? Per fortuna non si arriva a eccessi di Paesi come la Cina dove, ancora oggi, una neonata femmina è consi10 derata una tale sciagura da venire a volte uccisa. Però magari anche a voi sarà capitato di sentire che, rispetto a una bambina, un figlio maschio è una vera fortuna! Del resto, fino al 1981, anche da noi è esistito il delitto d onore. In pratica, se un uomo uccideva la moglie, la figlia o la sorella per difendere «l onore suo o 15 della famiglia poteva ricevere una pena inferiore. E oggi? Secondo una classifica del World Economic Forum che valuta la presenza delle donne in politica, lavoro ed economia, il nostro Paese è al 75° posto su 115. Vi piace un mondo così? A noi no! E così, abbiamo deciso di chiedere anche a voi ragazzi che cosa ne pensate. 20 Anche perché è proprio alla vostra età, se non prima, che iniziano a crearsi grandi differenze. Belle e sceme? Spiega Loredana Lipperini, giornalista e autrice del libro (che in realtà è per mamma e papà) Ancora dalla parte delle bambine: «Oggi, 25 nonostante alcuni padri abbiano iniziato a prendersi cura dei figli proprio come le mamme, è ancora considerato strano vedere un maschio tenere in braccio un bambolotto, al massimo è tollerato un animale di peluche. Come se le dimostrazioni di affetto e le coccole fossero cose solo da femmine . Del resto, basta entrare in un negozio di giocattoli per capirlo. Da 30 una parte quelli per bambini: costruzioni, carte collezionabili, giochi scientifici.… Dall altra, invece, quelli per le bambine: bambole, trucchi e vestiti, magari tutti contrassegnati con un bel colore rosa! I maschi, in 695 5394A_9-15_Temi.indd 695 26/01/18 12:48
VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1