VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

i temi Il cane e la bambina AUDIO DUE AMICI INSEPARABILI E L INFAMIA DELL ABBANDONO Vittorio Zucconi Il testo L amore che unisce un cane e una bambina permette di superare tutte le difficoltà: anche la separazione decisa dagli adulti. L autore Vittorio Zucconi (1944) è un giornalista e scrittore. Fin da giovanissimo ha manifestato la sua passione per il giornalismo. stato corrispondente da molti Paesi per i più importanti quotidiani italiani, fino a che si è trasferito negli Stati Uniti, a Washington. Ha vinto numerosi premi di giornalismo e scritto molti libri. Il brano che stai per leggere è ambientato negli Stati Uniti ai giorni nostri. 1. Tulsa: città dell Oklahoma, negli Stati Uniti. Stravaccato sul sedile posteriore, York dormiva come dormono i tipi come lui, un orecchio ritto, un occhio socchiuso, tutti i sei sensi tesi. E proprio il suo sesto senso di cane da pastore gli stava dicendo che quel viaggio sull automobile di famiglia non prometteva per lui 5 niente di buono. Esitò, quando l auto si fermò dopo ore di viaggio e lo invitarono a scendere; ma per quanto fosse diffidente non poteva sapere che i suoi padroni, i Glocktons, avevano deciso di abbandonarlo prima di trasferirsi in città. E poi gli scappava da morire. Con la zampa alzata, 10 vide la macchina schizzare via nella polvere, lasciando lui solo. Se avesse saputo leggere le carte stradali, avrebbe visto che era a cento chilometri da casa e da Lizzie, la sua amica, la figlia di nove anni dei Glocktons che era cresciuta con lui. Lizzie era stata tenuta all oscuro di tutto, naturalmente, ma le 15 spiegazioni della madre Edith «Sai, Lizzie è scappato chissà perché non la convinsero. Pianse per quattro notti. La quinta notte si addormentò sognando che il suo cane fosse tornato. Si svegliò che era ancora buio, con la faccia tutta bagnata da qualche cosa di caldo e di ruvido. Aprì gli occhi e davanti a sé vide il suo cane, York. Era 20 saltato dentro dalla finestra aperta della sua stanza e ora era lì, che le leccava la faccia. tornato, è tornato si mise a gridare, e il padre e la mamma corsero in camera sua, ma si dovettero subito fermare. Sulla soglia della porta, York ringhiava furioso. 25 Maledetta bestia gli rispose il padre ora gli sparo e corse a prendere l immancabile fucile. E Lizzie di colpo capì tutto. Si avvinghiò al cane, stretta. Chi avesse sparato a lui, avrebbe sparato a lei. Al mattino fu chiamato lo sceriffo Olsen. Lo sceriffo chiamò gli esperti del controllo animali da Tulsa1, la città più vicina, che passa30 rono acqua e cibo dalla finestra. Ma il cane e la bambina restavano insieme, abbarbicati l uno all altra nella stanza, tutto il giorno. Gli sceriffi avevano caricato i fucili: appena Lizzie si fosse addormentata, avrebbero sparato al cane. 609 5394A_9-15_Temi.indd 609 26/01/18 12:47
VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1