VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

Le forme dei testi USA IL DIZIONARIO Che cosa significa qui l espressione quatta quatta ? di corsa, saltando i gradini senza far rumore guardandosi intorno di continuo 1. annuì: fece segno di sì con la testa. Sapevo quello che sapevo, e vedevo quello che vedevo. E preferivo essere una fifona piuttosto che farmi mangiare dal Gatto delle cantine. Tutto sarebbe andato avanti così per sempre, se Rainer non fosse 60 venuto ad abitare nella nostra casa. Rainer era un po più grande di me, e non voleva aver niente a che spartire con le stupide femmine. Io però avevo la fortuna di non appartenere ancora alla categoria delle femmine, che avevano almeno un anno più di me e andavano in giro sempre a due a due, ridacchiando. 65 Ehi, piccola! mi disse Rainer mentre scendevo le scale quatta quatta con in mano il cesto delle patate. Hai paura? Io deglutii, e Rainer chiese: Di che cosa hai paura? Allora gli raccontai del Gatto delle cantine. 70 Lui mi ascoltò senza ridermi in faccia. Non scosse nemmeno la testa. Si limitò ad ascoltarmi e poi annuì1, come se nel posto da cui veniva lui i Gatti delle cantine vivessero perfino nelle cucine. Vuoi vederlo? chiesi. Certo! disse Rainer. Estrasse la pistola giocattolo carica di 75 proiettili esplosivi dal cinturone e avanzò tenendo le gambe larghe, come gli sceriffi nei film western. Mi sembrava un po toccato. Ma l importante, per me, era che andasse avanti lui. Sentivo che poteva proteggermi dal Gatto delle cantine. Sapevo che quella bestia era laggiù ad aspettarci. 80 Aprimmo senza far rumore la pesante porta di ferro e scivolammo giù per le scale trattenendo il fiato. Io stavo appiccicata dietro a Rainer, così appiccicata da sentire il suo odore. Sapeva di fango, di prato e di polvere da sparo. Un odore un po acre e un po dolce che mi infondeva fiducia. 85 Non muoverti mi sussurrò. Eccolo lì! Indicò il vecchio letto. Bestiale! Non ne ho mai visto uno così grande! il Gatto delle cantine più grande del mondo! E adesso? chiesi. 90 Rainer indicò la finestra della cantina. Vai ad aprirla mi sussurrò. Ma attenta, non perdere d occhio il Gatto! Il mio cuore fece un balzo. Stavo già per rinunciare, ma poi guardai Rainer: non volevo fare la figura della fifona davanti a lui. Mi 95 avvicinai con cautela alla finestra e abbassai lentamente il paletto che la teneva chiusa. Il Gatto delle cantine era a non più di un metro da me. 45 5394A_1_Forme.indd 45 26/01/18 12:34

VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1