VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

Come cambiano le nascite in Italia AUDIO 7 Il testo espositivo ISTAT Il testo Ti presentiamo un interessante testo espositivo tratto dal sito dell ISTAT, che fornisce informazioni precise sulla situazione della popolazione italiana rispetto al numero dei bambini nati in un anno, la loro nazionalità e l età delle loro madri. Nella parte non testuale sono presenti immagini e grafici relativi alle informazioni date nel testo e la statistica dei nomi più diffusi. L ISTAT è l Istituto Nazionale di Statistica, un ente pubblico che ha come obiettivo la rilevazione di dati statistici in vari settori del nostro paese. nato nel 1926 allo scopo di raccogliere informazioni su tutto il territorio nazionale. Tra i suoi compiti principali ricordiamo: il censimento della popolazione, la raccolta dei dati sulle aree produttive (come l agricoltura e l industria), le indagini effettuate sulle persone e sulle famiglie relative alla salute, al lavoro e ai consumi. Secondo i dati raccolti nel 2015 sono stati iscritti in anagrafe per nascita 485 780 bambini, quasi 17 mila in meno rispetto al 2014, a conferma della tendenza alla diminuzione della natalità (-91 mila nati sul 2008). 5 Il calo è attribuibile principalmente alle coppie di genitori entrambi italiani. Ciò avviene perché le donne italiane in età riproduttiva sono sempre meno numerose e allo stesso tempo partoriscono meno bambini. La riduzione del numero dei nati è in parte effetto del forte calo 10 dei matrimoni registrato nello stesso periodo (circa 52 mila nozze in meno tra il 2008 e il 2015). Anche i bambini nati da genitori sposati continuano a diminuire sensibilmente, nel 2015 sono 346 169 (quasi -120 mila in soli 7 anni). Al contrario, i bambini nati da genitori non coniugati (quasi 140 15 mila nel 2015) sono, invece, sempre in crescita. Per il secondo anno consecutivo scende il numero di nati con almeno un genitore straniero: sono quasi 101 mila nel 2015, pari al 20,7% del totale dei nati a livello medio nazionale. Continua il calo dei nati da genitori entrambi stranieri, nel 2015 20 scendono a 72 096 (quasi 3 mila in meno rispetto al 2014). In leggera flessione anche la loro quota sul totale delle nascite (pari al 14,8%). L 8,3% dei nati nel 2015 ha una madre di almeno 40 anni, il 10,3% una sotto i 25 anni di età. L età delle madri italiane è sempre più avanzata. 25 Prosegue la diminuzione della fecondità in atto dal 2010. Il numero medio di figli per donna scende a 1,35 (1,46 nel 2010). Le donne italiane hanno in media 1,27 figli (1,34 nel 2010), le cittadine straniere residenti 1,94 (2,43 nel 2010). 30 L Istat mette a disposizione il contatore dei nomi per anno di nascita, al fine di scoprire quanti sono i bambini che si chiamano nello stesso modo, nati e iscritti nelle anagrafi italiane dal 1999 al 2015, e quali sono i più diffusi tra i 60 mila nomi diversi scelti dai genitori. (Tratto da: Natalità e fecondità della popolazione residente, in www.istat.it) 428 5394A_5 6 7 8_Forme.indd 428 26/01/18 13:49
VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1