VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

5 Il testo descrittivo di una tettarella nuova, e fece volare il poppatoio con un colpo ben assestato delle zampe. E non si calmò né volle saperne di nutrirsi finché 75 non rimettemmo sul poppatoio la vecchia tettarella consunta. Dopo di allora se lo tenne sempre stretto a sé. Sara cresceva e si mostrava sempre più indipendente. Dopo il pasto della sera faceva una passeggiata per proprio conto nella stanza. Questo rappresentava un grande progresso, perché fino allora si 80 metteva a urlare come un ossessa se ci si allontanava più di trenta centimetri da lei. Dopo il giro d ispezione le piaceva giocare, poi si fermava soddisfatta; allora bisognava stenderla a terra supina e farle il solletico sulla pancia per una decina di minuti, mentre lei andava in estasi e ci soffiava addosso bollicine di saliva. Dopodiché andava a 85 dormire senza fare storie. Ma guai a cercare di metterla a letto senza farla giocare. Tirava calci, si dibatteva e strillava, comportandosi proprio come una bambina viziata. [Nonostante tutto l affetto che legava i genitori adottivi a Sara, non era possibile tenere un formichiere gigante in casa, perciò il veterinario consigliò loro di portarla in uno zoo]. Dopo di allora abbiamo rivisto Sara solo di recente, quando andammo a trovarla allo zoo. Non ci vedeva da sei mesi e francamente 90 credevo che ci avesse dimenticato. Per quanto sia un fanatico amante dei formichieri, sarei il primo ad ammettere che non sono creature dal cervello eccezionale; e bisogna dire che sei mesi sono lunghi. Ma, appena la chiamammo, saltò fuori dal suo giaciglio e si precipitò vicino alla rete per leccarci. Entrammo persino nella sua gabbia e gio95 cammo con lei. Questo significava che ci aveva riconosciuto perché nessun altro all infuori del suo guardiano osava entrare. Alla fine ci accomiatammo da lei un po tristemente e la lasciammo seduta sulla paglia a soffiare bollicine nella nostra direzione. Mia moglie disse: 100 un po come se lasciassimo la nostra bambina in collegio. Per quanto riguarda Sara, noi siamo indubbiamente i suoi genitori adottivi. Ieri abbiamo ricevuto buone notizie; ci è stato comunicato che Sara ha un compagno. Lui è ancora troppo giovane per il matrimonio, ma 105 presto raggiungerà l età adatta. Chissà, forse tra un anno potremmo essere nonni di un grazioso e vivace formichierino! (Tratto da: G. Durrell, Incontri con animali, Adelphi) 338 5394A_5 6 7 8_Forme.indd 338 26/01/18 13:49
VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1