VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

Che cos è una sequenza? La parola sequenza deriva dal latino tardo sequentia e significa serie, successione . In una narrazione, una sequenza è una parte di testo composta da più frasi. STRUMENTI PER ANALIZZARE IL TESTO Ogni sequenza è: autonoma, sia per il contenuto sia per l aspetto sintattico, ossia inizia con la lettera maiuscola e finisce con un punto; riducibile a un titolo che ne riassume il contenuto essenziale. Come possono essere le sequenze? Esistono diversi tipi di sequenze: DESCRITTIVE descrivono luoghi, personaggi e ambienti RIFLESSIVE contengono i pensieri, le riflessioni dei personaggi o del narratore DIALOGATE NARRATIVE riportano i dialoghi tra i personaggi danno le informazioni necessarie per comprendere lo svolgimento della vicenda, ovvero i diversi fatti che si susseguono Le sequenze descrittive e riflessive sono statiche, cioè rallentano lo svolgimento della storia, equivalgono a delle pause nel testo; al contrario, le sequenze dialogate e narrative sono dinamiche, cioè contribuiscono a far sviluppare la narrazione. ome si fa a individuare il passaggio C da una sequenza a un altra? Il passaggio da una sequenza a un altra avviene nei seguenti casi: quando cambia il personaggio o ne entra uno nuovo; quando cambia l ambiente; quando cambia il tempo; quando accade un nuovo evento o cambia la situazione. Perché dividere in sequenze? La parola testo deriva dal latino textum, ciò che è tessuto, intrecciato . Infatti, così come un tessuto è composto di fili intrecciati, un testo è il risultato dei diversi fili del discorso intrecciati tra loro. Per comprenderne a fondo il contenuto, è dunque necessario smontare il testo nelle parti che lo compongono. La divisione in sequenze, perciò, è uno dei procedimenti più utili a questo scopo. 1 Il testo narrativo 5394A_1_Forme.indd 31 31 26/01/18 12:33

VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1