VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

SVILUPPO DELLE COMPETENZE DALLA LETTURA ALLA SCRITTURA Personaggi Il piccolo elfo riaprì gli occhi. I piedi gli sembrarono ancora più gelidi e lo stomaco ancora più vuoto. Si aggiustò il cappuccio fradicio sui capelli fradici. Aveva il mantello giallo da elfo. La canapa gialla, a trama enorme, era pesante, ruvida e non riparava da nulla. Altra acqua gli si rovesciò sul collo e cominciò a colargli lungo la schiena sotto la giubba fino ai pantaloni. Tutto quello che aveva addosso era giallo, ruvido, fradicio, sudicio, consunto e freddo. (Silvana De Mari, L ultimo elfo, Salani) Un ometto dall aria decrepita, non più alto di un bambino, portava in testa un enorme turbante violaceo e raccolti sulle caviglie dei pantaloni sformati di un pigiama di seta. Questa creatura sfoggiava una barba imponente del colore più insolito: la tonalità più chiara e più delicata dell azzurro. (Joanne K. Rowling, Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Salani) Goffi urgali, armati di corte spade e tondi scudi di ferro dipinti con simboli neri. Assomigliavano a esseri umani con le gambe storte, e avevano braccia tozze e massicce, fatte per schiantare; un orrido paio di corna ritorte spuntava dietro i piccoli padiglioni auricolari. Gli urgali non vedevano bene, erravano nell oscurità come mendicanti ciechi, maneggiando le armi con difficoltà. Da loro emanava un fetore nauseabondo. Gli occhi degli urgali scintillavano sotto le folte sopracciglia (Christopher Paolini, Eragon, Fabbri) Elementi magici Una spada forgiata da un mago per aprirsi un varco all interno di foreste e paludi impenetrabili. Una formula magica che si può ripetere per non più di tre volte: Il re di Dedougou è calvo come un uovo, il suo ventre è cadente come quello di un elefante i suoi denti sono radi come quelli di una faraona. (Marion Zimmer Bradley, Storie fantastiche di spade e magie, Editrice Nord) 272 4 La narrazione fantasy 5394A_2 3 4_Generi.indd 272 26/01/18 12:37
VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1