VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

DIDATTICA INCLUSIVA - Leggiamo INSIEME Prima regola: la fantasia! Leggi e ascolta un racconto che ti porta nel mondo dei giochi e della fantasia. La storia Un vecchio signore con il bastone passa vicino a un ragazzino che gioca. Il bastone gli cade di mano. Il bambino, pronto, lo raccoglie e glielo dà. Ma il vecchio… I luoghi • Un portone, un cortile. Il tempo • Al giorno d’oggi. I personaggi • Un bambino di nome Claudio, educato, con tanta voglia di giocare. • Un signore anziano, con gli occhiali d’oro, curvo, con il bastone. Chi ha scritto il racconto Gianni Rodari è un celebre scrittore di libri per ragazzi, vissuto tra il 1920 e il 1980. DIZIONARIO MULTILINGUE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE fantasia: capacità di inventare fatti, cose o persone. immaginazione: capacità di creare con la fantasia cose che nella realtà non esistono oppure sono diverse. gioco: attività piacevole che i bambini e gli adulti fanno per divertirsi e passare il tempo. regola: norma stabilita, che si deve rispettare. Prima regola: la fantasia! Un bambino, Claudio, gioca sotto il portone di casa. Passa un anziano signore. È tutto curvo e cammina con un bastone. Quando è vicino a Claudio il bastone gli scappa di mano, il ragazzino lo raccoglie veloce e glielo dà. SITUAZIONE INIZIALE Il vecchio sorride e dice: - Grazie, ma non mi serve. Tienilo tu, se ti piace. E va via. Claudio rimane senza parole con il bastone tra le mani. Non sa cosa fare: è un normale bastone di legno con il manico ricurvo, marrone; non ha nulla di speciale. Ma, quando il ragazzino lo picchia per tre volte per terra e ci salta sopra correndo, il bastone diventa un meraviglioso cavallo che galoppa intorno al cortile. Claudio è stupito e un po’ spaventato, mette un piede a terra e il cavallo diventa, di nuovo, bastone. Claudio riprova, salta sul bastone che si trasforma in cammello. Il cortile diventa un deserto da esplorare. Appena il ragazzino rimette il piede per terra, ecco: il cammello ridiventa bastone. Ormai Claudio si diverte da matti e riprova, riprova. Il bastone si trasforma in automobile, in motoscafo, in astronave. Il pomeriggio passa veloce tra tutti quei giochi! SVILUPPO Alla sera, il vecchio dagli occhiali d’oro ritorna dalla sua passeggiata e lo saluta. Claudio pensa che rivoglia il suo bastone e glielo porge, tutto rosso per la timidezza. Ma anche questa volta l’anziano signore non lo vuole. - Tienilo, tienilo. Tu con il bastone puoi volare, io posso solo appoggiarmi! - gli dice. E se ne va, felice per aver fatto un bel regalo a un bambino. (Adatt. da: Gianni Rodari, Favole al telefono, Einaudi) CONCLUSIONE LESSICO 1. Scegli e scrivi a lato di ciascun disegno gli aggettivi adatti. curvo • ricurvo • arcuato • chino • incurvato • ingobbito 2. Indica la frase nella quale il verbo “picchiare” è usato con lo stesso significato del testo: «Claudio picchia il bastone per terra». A. Il padrone cattivo picchia l’asino B. Picchia alla porta per farti sentire! COMPRENDERE 3. Che cosa sta facendo Claudio? 4. Chi passa di lì? Che cosa succede? 5. Completa: «Claudio è gentile ed educato con l’anziano signore, infatti 6. Come reagisce il signore? A. Ringrazia B. Si allontana indifferente C. Con un sorriso offre il suo bastone a Claudio D. Sorride e se ne va appoggiandosi al suo bastone 7. In un primo momento Claudio A. non vuole accettare B. non sa che cosa fare del bastone C. pensa che il bastone non gli serve perché lui cammina bene D. pensa che il vecchio sia un po’ strano 8. Che cosa fa poi? 9. In che cosa si trasforma il bastone? È un bastone magico? Sì No Spiega la tua risposta. 10. L’anziano signore è contento di regalare il suo bastone perché A. sa quanto un ragazzino può divertirsi con un bastone e tanta fantasia B. a lui il bastone non serve più perché è guarito C. ha visto Claudio felice e non vuole togliergli il suo giocattolo D. è un uomo generoso
DIDATTICA INCLUSIVA - Leggiamo INSIEME Prima regola: la fantasia! Leggi e ascolta un racconto che ti porta nel mondo dei giochi e della fantasia. La storia Un vecchio signore con il bastone passa vicino a un ragazzino che gioca. Il bastone gli cade di mano. Il bambino, pronto, lo raccoglie e glielo dà. Ma il vecchio… I luoghi • Un portone, un cortile. Il tempo • Al giorno d’oggi. I personaggi • Un bambino di nome Claudio, educato, con tanta voglia di giocare. • Un signore anziano, con gli occhiali d’oro, curvo, con il bastone. Chi ha scritto il racconto Gianni Rodari è un celebre scrittore di libri per ragazzi, vissuto tra il 1920 e il 1980. DIZIONARIO MULTILINGUE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE fantasia: capacità di inventare fatti, cose o persone. immaginazione: capacità di creare con la fantasia cose che nella realtà non esistono oppure sono diverse. gioco: attività piacevole che i bambini e gli adulti fanno per divertirsi e passare il tempo. regola: norma stabilita, che si deve rispettare. Prima regola: la fantasia! Un bambino, Claudio, gioca sotto il portone di casa. Passa un anziano signore. È tutto curvo e cammina con un bastone. Quando è vicino a Claudio il bastone gli scappa di mano, il ragazzino lo raccoglie veloce e glielo dà. SITUAZIONE INIZIALE Il vecchio sorride e dice: - Grazie, ma non mi serve. Tienilo tu, se ti piace. E va via. Claudio rimane senza parole con il bastone tra le mani. Non sa cosa fare: è un normale bastone di legno con il manico ricurvo, marrone; non ha nulla di speciale. Ma, quando il ragazzino lo picchia per tre volte per terra e ci salta sopra correndo, il bastone diventa un meraviglioso cavallo che galoppa intorno al cortile. Claudio è stupito e un po’ spaventato, mette un piede a terra e il cavallo diventa, di nuovo, bastone. Claudio riprova, salta sul bastone che si trasforma in cammello. Il cortile diventa un deserto da esplorare. Appena il ragazzino rimette il piede per terra, ecco: il cammello ridiventa bastone. Ormai Claudio si diverte da matti e riprova, riprova. Il bastone si trasforma in automobile, in motoscafo, in astronave. Il pomeriggio passa veloce tra tutti quei giochi! SVILUPPO Alla sera, il vecchio dagli occhiali d’oro ritorna dalla sua passeggiata e lo saluta. Claudio pensa che rivoglia il suo bastone e glielo porge, tutto rosso per la timidezza. Ma anche questa volta l’anziano signore non lo vuole. - Tienilo, tienilo. Tu con il bastone puoi volare, io posso solo appoggiarmi! - gli dice. E se ne va, felice per aver fatto un bel regalo a un bambino. (Adatt. da: Gianni Rodari, Favole al telefono, Einaudi) CONCLUSIONE LESSICO 1. Scegli e scrivi a lato di ciascun disegno gli aggettivi adatti. curvo • ricurvo • arcuato • chino • incurvato • ingobbito 2. Indica la frase nella quale il verbo “picchiare” è usato con lo stesso significato del testo: «Claudio picchia il bastone per terra». A. Il padrone cattivo picchia l’asino B. Picchia alla porta per farti sentire! COMPRENDERE 3. Che cosa sta facendo Claudio? 4. Chi passa di lì? Che cosa succede? 5. Completa: «Claudio è gentile ed educato con l’anziano signore, infatti 6. Come reagisce il signore? A. Ringrazia B. Si allontana indifferente C. Con un sorriso offre il suo bastone a Claudio D. Sorride e se ne va appoggiandosi al suo bastone 7. In un primo momento Claudio A. non vuole accettare B. non sa che cosa fare del bastone C. pensa che il bastone non gli serve perché lui cammina bene D. pensa che il vecchio sia un po’ strano 8. Che cosa fa poi?  9. In che cosa si trasforma il bastone? È un bastone magico? Sì No Spiega la tua risposta. 10. L’anziano signore è contento di regalare il suo bastone perché A. sa quanto un ragazzino può divertirsi con un bastone e tanta fantasia B. a lui il bastone non serve più perché è guarito C. ha visto Claudio felice e non vuole togliergli il suo giocattolo D. è un uomo generoso