VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

DIDATTICA INCLUSIVA - Leggiamo INSIEME È importante poter studiare Leggi e ascolta un testo sul grande valore del diritto di studiare. La storia Enrico è il protagonista del romanzo Cuore. È un ragazzino che frequenta la Scuola elementare. I suoi genitori gli scrivono delle lettere: in quella che stai per leggere il papà fa capire a Enrico il valore della scuola. Il luogo • La storia è ambientata Il tempo • Dopo l’Unità d’Italia (cioè dopo il 1861), quando finalmente la scuola era diventata un diritto per tutti, non solo per chi poteva permetterselo. I personaggi • Enrico, un ragazzino abbastanza diligente, ma senza passione per lo studio. A lui è indirizzata la lettera. • Il papà di Enrico, che ha a cuore il futuro del figlio e crede fermamente nell’importanza dell’istruzione. È lui che scrive la lettera al figlio. Chi ha scritto il testo Edmondo De Amicis è uno scrittore dell’Ottocento (1846-1908). Il suo libro più famoso è Cuore, scritto come il racconto-diario del protagonista Enrico. DIZIONARIO MULTILINGUE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE istruzione: la cultura di una persona, l’insieme delle sue conoscenze. diritto: possibilità, riconosciuta dalla legge, di fare qualcosa. progresso: sviluppo. È importante poter studiare Caro Enrico, vedo che vai a scuola ancora senza tanta voglia. Ma pensa come sarebbe triste la tua giornata senza la scuola! SITUAZIONE INIZIALE Dopo una settimana di noia, chiederesti di tornare tra i banchi con i tuoi compagni. Adesso tutti studiano. Gli operai vanno a scuola dopo una giornata di lavoro. Le donne e le ragazze vanno a scuola di domenica, dopo una settimana di lavoro. Anche i soldati, i ragazzi muti e ciechi possono andare a scuola. Addirittura i prigionieri hanno diritto a imparare a leggere e scrivere. Pensa: la mattina, quando esci, tantissimi ragazzi di tantissimi Paesi vanno a scuola come te. Tutti, dalla Russia all’Arabia, vanno a scuola con i libri sotto il braccio per imparare cose nuove. Usa la fantasia: immagina milioni e milioni di studenti che, in lingue diverse, studiano gli stessi argomenti. Anche tu sei uno di loro. Questo movimento di ragazzi che vanno a scuola è importante. Andare a scuola è il progresso, è la speranza per avere un mondo migliore. SVILUPPO Coraggio, Enrico. Anche tu fai parte di questo immenso gruppo. Non scoraggiarti: i tuoi libri sono come delle armi, la tua classe è come una squadra, il campo di battaglia è la Terra intera. La vittoria è un cambiamento importante per tutta l’umanità. (Adatt. da: Edmondo De Amicis, Cuore, Editrice Piccoli) CONCLUSIONE LESSICO 1. Enrico va a scuola A. felice C. triste B. indifferente D. svogliato 2. A che cosa il padre di Enrico associa i libri e la classe? I libri sono come ........................................................................ La classe è come ........................................................................ COMPRENDERE 3. Chi scrive questa lettera? A. Enrico C. Il papà di Enrico B. La mamma di Enrico D. Il gruppo di ragazzi che va a scuola 4. Che cosa deve immaginare Enrico con l’aiuto della fantasia? 5. Il padre vuole invogliare il figlio ad amare lo studio. In che modo lo fa? A. Lo rimprovera severamente B. Confronta il suo comportamento con quello degli altri ragazzi in altri Paesi del mondo C. Cerca di fargli capire con forza l’importanza della conquista del diritto allo studio per tutti D. Lo invita a immaginare i milioni di ragazzi che vanno a scuola 6. «Adesso tutti studiano»: completa l’elenco delle persone che possono studiare. • gli operai • ........................................................... • ........................................................... • ........................................................... • ........................................................... • ........................................................... 7. È importante che tutti vadano a scuola, perché A. solo così ci sarà il progresso dell’umanità B. solo così i ragazzi non si annoiano C. solo così tutti fanno parte dello stesso gruppo D. solo così si vince 8. L’istruzione è utile per il progresso dell’umanità, perché A. le persone istruite trovano subito un lavoro B. le persone istruite guadagnano di più C. l’istruzione dà più potere nei confronti degli altri D. l’istruzione apre la mente e permette di ragionare meglio
DIDATTICA INCLUSIVA - Leggiamo INSIEME È importante poter studiare Leggi e ascolta un testo sul grande valore del diritto di studiare. La storia Enrico è il protagonista del romanzo Cuore. È un ragazzino che frequenta la Scuola elementare. I suoi genitori gli scrivono delle lettere: in quella che stai per leggere il papà fa capire a Enrico il valore della scuola. Il luogo • La storia è ambientata Il tempo • Dopo l’Unità d’Italia (cioè dopo il 1861), quando finalmente la scuola era diventata un diritto per tutti, non solo per chi poteva permetterselo. I personaggi • Enrico, un ragazzino abbastanza diligente, ma senza passione per lo studio. A lui è indirizzata la lettera. • Il papà di Enrico, che ha a cuore il futuro del figlio e crede fermamente nell’importanza dell’istruzione. È lui che scrive la lettera al figlio. Chi ha scritto il testo Edmondo De Amicis è uno scrittore dell’Ottocento (1846-1908). Il suo libro più famoso è Cuore, scritto come il racconto-diario del protagonista Enrico. DIZIONARIO MULTILINGUE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE istruzione: la cultura di una persona, l’insieme delle sue conoscenze. diritto: possibilità, riconosciuta dalla legge, di fare qualcosa. progresso: sviluppo. È importante poter studiare Caro Enrico, vedo che vai a scuola ancora senza tanta voglia. Ma pensa come sarebbe triste la tua giornata senza la scuola! SITUAZIONE INIZIALE Dopo una settimana di noia, chiederesti di tornare tra i banchi con i tuoi compagni. Adesso tutti studiano. Gli operai vanno a scuola dopo una giornata di lavoro. Le donne e le ragazze vanno a scuola di domenica, dopo una settimana di lavoro. Anche i soldati, i ragazzi muti e ciechi possono andare a scuola. Addirittura i prigionieri hanno diritto a imparare a leggere e scrivere. Pensa: la mattina, quando esci, tantissimi ragazzi di tantissimi Paesi vanno a scuola come te. Tutti, dalla Russia all’Arabia, vanno a scuola con i libri sotto il braccio per imparare cose nuove. Usa la fantasia: immagina milioni e milioni di studenti che, in lingue diverse, studiano gli stessi argomenti. Anche tu sei uno di loro. Questo movimento di ragazzi che vanno a scuola è importante. Andare a scuola è il progresso, è la speranza per avere un mondo migliore. SVILUPPO Coraggio, Enrico. Anche tu fai parte di questo immenso gruppo. Non scoraggiarti: i tuoi libri sono come delle armi, la tua classe è come una squadra, il campo di battaglia è la Terra intera. La vittoria è un cambiamento importante per tutta l’umanità. (Adatt. da: Edmondo De Amicis, Cuore, Editrice Piccoli) CONCLUSIONE LESSICO 1. Enrico va a scuola A. felice C. triste B. indifferente D. svogliato 2. A che cosa il padre di Enrico associa i libri e la classe? I libri sono come ........................................................................ La classe è come ........................................................................ COMPRENDERE 3. Chi scrive questa lettera? A. Enrico C. Il papà di Enrico B. La mamma di Enrico D. Il gruppo di ragazzi che va a scuola 4. Che cosa deve immaginare Enrico con l’aiuto della fantasia? 5. Il padre vuole invogliare il figlio ad amare lo studio. In che modo lo fa? A. Lo rimprovera severamente B. Confronta il suo comportamento con quello degli altri ragazzi in altri Paesi del mondo C. Cerca di fargli capire con forza l’importanza della conquista del diritto allo studio per tutti D. Lo invita a immaginare i milioni di ragazzi che vanno a scuola 6. «Adesso tutti studiano»: completa l’elenco delle persone che possono studiare. • gli operai • ........................................................... • ........................................................... • ........................................................... • ........................................................... • ........................................................... 7. È importante che tutti vadano a scuola, perché A. solo così ci sarà il progresso dell’umanità B. solo così i ragazzi non si annoiano C. solo così tutti fanno parte dello stesso gruppo D. solo così si vince 8. L’istruzione è utile per il progresso dell’umanità, perché A. le persone istruite trovano subito un lavoro B. le persone istruite guadagnano di più C. l’istruzione dà più potere nei confronti degli altri D. l’istruzione apre la mente e permette di ragionare meglio