VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

DIDATTICA INCLUSIVA - Leggiamo INSIEME La visita dello stregone Leggi e ascolta un testo fantasy molto famoso. La storia Un giorno, lo hobbit Bilbo Baggins riceve la visita del vecchio stregone Gandalf, che gli affida una missione… Il tempo • Un passato indefinito. Il luogo • La caverna dove vive Bilbo. I personaggi • Lo hobbit Bilbo Baggins. • Lo stregone Gandalf. Chi l’ha scritto John Ronald Reuel Tolkien (1892-1973), nato in Sudafrica da genitori inglesi, è considerato il padre della narrativa fantasy moderna. La sua fantasia ha creato capolavori di grande successo, come Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli. DIZIONARIO MULTILINGUE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE avventura: impresa insolita, straordinaria, rischiosa e piena di sorprese inaspettate. stregone: nel fantasy, essere straordinario dotato di eccezionali capacità. La visita dello stregone In una caverna sotterranea viveva uno hobbit. Non era una caverna brutta, sporca e umida e neanche una caverna arida e sabbiosa. Era una caverna hobbit, quindi era molto comoda. Questa caverna si trovava sulla collina e vi abitava Baggins. I Baggins non avevano mai avuto avventure e non avevano mai fatto niente di strano. Questa storia racconta come Bilbo Baggins ebbe un’avventura e fece cose del tutto imprevedibili. Ma che cos’è uno hobbit? Gli hobbit sono esseri piccoli, più piccoli dei nani, hanno un po’ di pancia, indossano abiti dai colori vivaci e non portano scarpe perché i loro piedi hanno piante dure come il cuoio e dei peli fitti e scuri. SITUAZIONE INIZIALE La madre di questo nostro hobbit, cioè Bilbo Baggins, era la famosa Belladonna Took. A volte qualcuno della famiglia Took partiva e aveva avventure. Bilbo, che era l’unico figlio di Belladonna, si comportava soprattutto come suo padre. Ma forse aveva ereditato qualcosa di strano dai Took, qualcosa che aspettava solo l’occasione per uscire… Un giorno, Bilbo stava vicino alla porta e fumava un’enorme pipa di legno. Ed ecco spuntò un vecchio con un bastone. Aveva un alto cappello a punta azzurro, un lungo mantello grigio e una lunga barba bianca. Bilbo gli offrì un po’ del suo tabacco e fece un meraviglioso anello di fumo grigio: - Bello! - rispose il vecchio. - Ma oggi non ho tempo di fare anelli di fumo. Cerco qualcuno per condividere un’avventura, ma è molto difficile trovarlo… - Lo credo bene! - disse Bilbo. - Siamo gente tranquilla e non vogliamo nessuna avventura qui. Grazie tante, caro signore! Vediamo un po’, non credo di conoscere il suo nome… - Certo che lo sai, Bilbo Baggins: io sono Gandalf, e Gandalf vuol dire “me”! - Gandalf?! - chiese Bilbo stupito. - Quello stregone vagabondo che raccontava splendide storie di draghi, giganti e principesse? Quel Gandalf che spinse tanti ragazzi e ragazze a partire in cerca di pazze avventure? - Sono contento di vedere che ti ricordi qualcosa di me. Ho pensato di dare a te una bella parte in questa avventura. - Scusate, ma non voglio nessuna avventura, grazie! - ripeté Bilbo, e aggiunse: - L’aspetto per il tè… venga domani. Arrivederci! Gandalf rideva piano. Con il bastone fece uno strano segno sul portone verde di Bilbo e si allontanò a grandi passi. SVILUPPO Il giorno dopo, all’ora del tè, Bilbo si era quasi dimenticato di Gandalf, quando sentì un suono fortissimo al campanello… - Santo cielo, ecco Gandalf! Ma quando aprì la porta… (Adatt. da: John R. R. Tolkien, Lo Hobbit o la Riconquista del tesoro, Adelphi. I disegni sono tratti da: Lo Hobbit a fumetti, Bompiani) CONCLUSIONE COMPRENDERE 1. Quali sono le caratteristiche del luogo in cui si svolge la vicenda? A. È una caverna hobbit, quindi è comoda B. È una caverna hobbit, quindi è sporca e umida C. È una caverna hobbit, quindi è molto piccola 2. Quali sono le caratteristiche degli hobbit? A. Sono piccoli come i nani, hanno una pancia enorme e i piedi con peli fitti e scuri B. Sono più piccoli dei nani, hanno un po’ di pancia e portano scarpe scure di pelliccia C. Sono più piccoli dei nani, hanno un po’ di pancia e i piedi con peli fitti e scuri 3. Chi si presenta a casa di Bilbo Baggins? A. Lo stregone Gandalf B. Un vagabondo di nome Gandalf C. Uno sconosciuto mandato dallo stregone Gandalf 4. Che cosa propone lo strano personaggio a Bilbo Baggins? A. Di fumare la pipa insieme nel giardino di Bilbo B. Di prendere parte a un’avventura C. Di raccontare un’avventura con draghi, giganti e principesse 5. Che cosa risponde Bilbo? A. Non voglio nessuna avventura, grazie! B. Non vedo l’ora di partecipare a un’avventura! C. Non voglio nessuna avventura! Andate via subito! 6. Che cosa ti fanno pensare le risposte di Bilbo? Che Bilbo è… A. un tipo avventuroso ed educato B. un tipo tranquillo e poco gentile C. un tipo tranquillo ed educato ESPRIMERE E VALUTARE 7. Che cosa succede quando Bilbo apre la porta? Immagina e scrivi il seguito del racconto. Poi, se vuoi, confronta la tua conclusione con il fumetto completo.
DIDATTICA INCLUSIVA - Leggiamo INSIEME La visita dello stregone Leggi e ascolta un testo fantasy molto famoso. La storia Un giorno, lo hobbit Bilbo Baggins riceve la visita del vecchio stregone Gandalf, che gli affida una missione… Il tempo • Un passato indefinito. Il luogo • La caverna dove vive Bilbo. I personaggi • Lo hobbit Bilbo Baggins. • Lo stregone Gandalf. Chi l’ha scritto John Ronald Reuel Tolkien (1892-1973), nato in Sudafrica da genitori inglesi, è considerato il padre della narrativa fantasy moderna. La sua fantasia ha creato capolavori di grande successo, come Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli. DIZIONARIO MULTILINGUE PAROLE CHIAVE PER CAPIRE avventura: impresa insolita, straordinaria, rischiosa e piena di sorprese inaspettate. stregone: nel fantasy, essere straordinario dotato di eccezionali capacità. La visita dello stregone In una caverna sotterranea viveva uno hobbit. Non era una caverna brutta, sporca e umida e neanche una caverna arida e sabbiosa. Era una caverna hobbit, quindi era molto comoda. Questa caverna si trovava sulla collina e vi abitava Baggins. I Baggins non avevano mai avuto avventure e non avevano mai fatto niente di strano. Questa storia racconta come Bilbo Baggins ebbe un’avventura e fece cose del tutto imprevedibili. Ma che cos’è uno hobbit? Gli hobbit sono esseri piccoli, più piccoli dei nani, hanno un po’ di pancia, indossano abiti dai colori vivaci e non portano scarpe perché i loro piedi hanno piante dure come il cuoio e dei peli fitti e scuri. SITUAZIONE INIZIALE La madre di questo nostro hobbit, cioè Bilbo Baggins, era la famosa Belladonna Took. A volte qualcuno della famiglia Took partiva e aveva avventure. Bilbo, che era l’unico figlio di Belladonna, si comportava soprattutto come suo padre. Ma forse aveva ereditato qualcosa di strano dai Took, qualcosa che aspettava solo l’occasione per uscire… Un giorno, Bilbo stava vicino alla porta e fumava un’enorme pipa di legno. Ed ecco spuntò un vecchio con un bastone. Aveva un alto cappello a punta azzurro, un lungo mantello grigio e una lunga barba bianca. Bilbo gli offrì un po’ del suo tabacco e fece un meraviglioso anello di fumo grigio: - Bello! - rispose il vecchio. - Ma oggi non ho tempo di fare anelli di fumo. Cerco qualcuno per condividere un’avventura, ma è molto difficile trovarlo… - Lo credo bene! - disse Bilbo. - Siamo gente tranquilla e non vogliamo nessuna avventura qui. Grazie tante, caro signore! Vediamo un po’, non credo di conoscere il suo nome… - Certo che lo sai, Bilbo Baggins: io sono Gandalf, e Gandalf vuol dire “me”! - Gandalf?! - chiese Bilbo stupito. - Quello stregone vagabondo che raccontava splendide storie di draghi, giganti e principesse? Quel Gandalf che spinse tanti ragazzi e ragazze a partire in cerca di pazze avventure? - Sono contento di vedere che ti ricordi qualcosa di me. Ho pensato di dare a te una bella parte in questa avventura. - Scusate, ma non voglio nessuna avventura, grazie! - ripeté Bilbo, e aggiunse: - L’aspetto per il tè… venga domani. Arrivederci! Gandalf rideva piano. Con il bastone fece uno strano segno sul portone verde di Bilbo e si allontanò a grandi passi. SVILUPPO Il giorno dopo, all’ora del tè, Bilbo si era quasi dimenticato di Gandalf, quando sentì un suono fortissimo al campanello… - Santo cielo, ecco Gandalf! Ma quando aprì la porta… (Adatt. da: John R. R. Tolkien, Lo Hobbit o la Riconquista del tesoro, Adelphi. I disegni sono tratti da: Lo Hobbit a fumetti, Bompiani) CONCLUSIONE COMPRENDERE 1. Quali sono le caratteristiche del luogo in cui si svolge la vicenda? A. È una caverna hobbit, quindi è comoda B. È una caverna hobbit, quindi è sporca e umida C. È una caverna hobbit, quindi è molto piccola 2. Quali sono le caratteristiche degli hobbit? A. Sono piccoli come i nani, hanno una pancia enorme e i piedi con peli fitti e scuri B. Sono più piccoli dei nani, hanno un po’ di pancia e portano scarpe scure di pelliccia C. Sono più piccoli dei nani, hanno un po’ di pancia e i piedi con peli fitti e scuri 3. Chi si presenta a casa di Bilbo Baggins? A. Lo stregone Gandalf B. Un vagabondo di nome Gandalf C. Uno sconosciuto mandato dallo stregone Gandalf 4. Che cosa propone lo strano personaggio a Bilbo Baggins? A. Di fumare la pipa insieme nel giardino di Bilbo B. Di prendere parte a un’avventura C. Di raccontare un’avventura con draghi, giganti e principesse 5. Che cosa risponde Bilbo? A. Non voglio nessuna avventura, grazie! B. Non vedo l’ora di partecipare a un’avventura! C. Non voglio nessuna avventura! Andate via subito! 6. Che cosa ti fanno pensare le risposte di Bilbo? Che Bilbo è… A. un tipo avventuroso ed educato B. un tipo tranquillo e poco gentile C. un tipo tranquillo ed educato ESPRIMERE E VALUTARE 7. Che cosa succede quando Bilbo apre la porta? Immagina e scrivi il seguito del racconto. Poi, se vuoi, confronta la tua conclusione con il fumetto completo.