VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

SVILUPPO DELLE COMPETENZE DALLA LETTURA ALLA SCRITTURA COMPLETARE E CREARE FAVOLE 1 Completa e inventa il finale di una favola Completa le seguenti favole di Fedro e, per ciascuna, inventa un finale adatto alla morale. Una cornacchia era molto dispiaciuta di essere cornacchia. Raccolse le penne che erano cadute a un pavone, se ne adornò e, piena di disprezzo per le sue compagne, si mescolò alla bella schiera dei pavoni. Ma ......................................................................................................................................................................... . La cornacchia malconcia tornò ............................................................................................................ . Ma ......................................................................................................................................................................... Morale: Ciascuno sia soddisfatto di vivere con il proprio aspetto. Un cane con un pezzo di carne in bocca correva lungo un fiume; fermatosi sulla riva vide riflessa ........................................................................... .Credendo fosse un altro cane ..................................................................................................................Ma non addentò nulla e ..............................................................................................................................Morale: Chi vuole la roba degli altri ben a ragione perde la propria. 2 Partendo dalla morale, scrivi la favola Per ciascuna delle seguenti morali scrivi una breve favola, che rispetti le caratteristiche proprie del genere. A volte l’apparenza inganna.Chi la fa l’aspetti. Scrivere favole a rovescio Mescola bene quello che hai imparato sulla favola, aggiungi a piene mani la tua fantasia per creare nuove fantastiche storie! Leggi che cosa consiglia Gianni Rodari, nel suo libro Grammatica della fantasia, per modernizzare e rendere più divertenti le favole antiche. FAVOLE A ROVESCIO È necessario "rovesciare" alcune caratteristiche determinanti della favola che si racconta, trasformandola nell'esatto opposto. Per esempio, l'agnello è cattivo e il lupo è buono; oppure il corvo è astuto e la volpe credulona, e così via. 3 Inventa favole a rovescio Leggi la favola La cicala e la formica e poi confrontala con quella riscritta da Gianni Rodari, che in modo scherzoso si mostra in disaccordo con la vecchia morale. La cicala, dopo aver cantato tutta l’estate, si trovò sprovvista di cibo. Quando giunse l’inverno andò a piangere miseria dalla sua vicina formica e la pregò che le desse in prestito alcuni granelli per sopravvivere fino alla nuova stagione. Ti restituirò il capitale con gli interessi, parola d’animale! La formica, si sa, non presta volentieri e questo è il suo più piccolo difetto. Che facevi nella bella stagione? - disse a colei che le chiedeva il prestito. Giorno e notte cantavo per chi passava, se non ti dispiace. Cantavi? Me ne rallegro molto. Ebbene, ora balla. (Jean de La Fontaine, Favole, Einaudi) Chiedo scusa alla favola antica, se non mi piace l’avara formica. Io sto dalla parte della cicala che il più bel canto non vende, regala. (Gianni Rodari, Filastrocche in cielo e in terra, Einaudi) Come avrai già avuto modo di notare, nelle favole gli animali hanno ruoli tradizionali:• il gatto se la prende sempre con il topo;• la volpe è così astuta che ha sempre la meglio;• cane e gatto sono nemici dichiarati…Inventa tu una favola in cui questi ruoli siano rovesciati.Per esempio, prova a pensare a una storia in cui un cane e un gatto diventano amici, per affrontare insieme una difficoltà, oppure si alleano contro un nemico comune (come un padrone ingrato che sta per abbandonarli…).
SVILUPPO DELLE COMPETENZE DALLA LETTURA ALLA SCRITTURA COMPLETARE E CREARE FAVOLE 1 Completa e inventa il finale di una favola Completa le seguenti favole di Fedro e, per ciascuna, inventa un finale adatto alla morale. Una cornacchia era molto dispiaciuta di essere cornacchia. Raccolse le penne che erano cadute a un pavone, se ne adornò e, piena di disprezzo per le sue compagne, si mescolò alla bella schiera dei pavoni. Ma ......................................................................................................................................................................... . La cornacchia malconcia tornò ............................................................................................................ . Ma ......................................................................................................................................................................... Morale: Ciascuno sia soddisfatto di vivere con il proprio aspetto. Un cane con un pezzo di carne in bocca correva lungo un fiume; fermatosi sulla riva vide riflessa ........................................................................... .Credendo fosse un altro cane ..................................................................................................................Ma non addentò nulla e ..............................................................................................................................Morale: Chi vuole la roba degli altri ben a ragione perde la propria. 2 Partendo dalla morale, scrivi la favola Per ciascuna delle seguenti morali scrivi una breve favola, che rispetti le caratteristiche proprie del genere. A volte l’apparenza inganna.Chi la fa l’aspetti. Scrivere favole a rovescio Mescola bene quello che hai imparato sulla favola, aggiungi a piene mani la tua fantasia per creare nuove fantastiche storie! Leggi che cosa consiglia Gianni Rodari, nel suo libro Grammatica della fantasia, per modernizzare e rendere più divertenti le favole antiche. FAVOLE A ROVESCIO È necessario "rovesciare" alcune caratteristiche determinanti della favola che si racconta, trasformandola nell'esatto opposto. Per esempio, l'agnello è cattivo e il lupo è buono; oppure il corvo è astuto e la volpe credulona, e così via. 3 Inventa favole a rovescio Leggi la favola La cicala e la formica e poi confrontala con quella riscritta da Gianni Rodari, che in modo scherzoso si mostra in disaccordo con la vecchia morale. La cicala, dopo aver cantato tutta l’estate, si trovò sprovvista di cibo. Quando giunse l’inverno andò a piangere miseria dalla sua vicina formica e la pregò che le desse in prestito alcuni granelli per sopravvivere fino alla nuova stagione. Ti restituirò il capitale con gli interessi, parola d’animale! La formica, si sa, non presta volentieri e questo è il suo più piccolo difetto. Che facevi nella bella stagione? - disse a colei che le chiedeva il prestito. Giorno e notte cantavo per chi passava, se non ti dispiace. Cantavi? Me ne rallegro molto. Ebbene, ora balla. (Jean de La Fontaine, Favole, Einaudi) Chiedo scusa alla favola antica, se non mi piace l’avara formica. Io sto dalla parte della cicala che il più bel canto non vende, regala. (Gianni Rodari, Filastrocche in cielo e in terra, Einaudi) Come avrai già avuto modo di notare, nelle favole gli animali hanno ruoli tradizionali:• il gatto se la prende sempre con il topo;• la volpe è così astuta che ha sempre la meglio;• cane e gatto sono nemici dichiarati…Inventa tu una favola in cui questi ruoli siano rovesciati.Per esempio, prova a pensare a una storia in cui un cane e un gatto diventano amici, per affrontare insieme una difficoltà, oppure si alleano contro un nemico comune (come un padrone ingrato che sta per abbandonarli…).