VOLTIAMO PAGINA ANTOLOGIA 1

Il lupo e il cane Fedro Un lupo tutto striminzito dalla fame incontra un cane ben pasciuto. Si salutano e si fermano: - Da dove vieni così lucido e bello? E che hai mangiato per farti così grasso? Io, che sono tanto più forte di te, muoio di fame. E il cane: - Se vuoi ce n’è anche per te. Basta che tu presti lo stesso mio servizio al padrone. - E che servizio? - Custodirgli la porta di casa e tener lontani i ladri, la notte. - Uh! Ma io sono prontissimo! Adesso sopporto neve e pioggia nel bosco, trascinando una vita maledetta. Mi dev’essere molto più facile vivere sotto un tetto e riempirmi lo stomaco in pace. - Allora vieni con me. E vanno. Lungo la via il lupo vede una spelatura al collo del cane. - Che roba è quella, amico mio? - Oh... è niente. - Ma, se vuoi dirmelo. - Qualche volta, per la mia natura impetuosa, mi tengono legato perché stia quieto durante il giorno e vigili la notte. Ma al crepuscolo vado in giro dove mi piace; mi si porta il pane senza che io debba richiederlo, il padrone mi dà ossi della sua tavola, la servitù mi getta qualche boccone: gli avanzi di ognuno sono miei. Così, senza fatica, mi riempio la pancia. - Ma se si ha voglia di uscire, è permesso? - Proprio, interamente, no. - Addio, caro, goditi pure le tue gioie: io non baratto1 la mia libertà neppure per un regno. (Tratto da: Favole esopiche e latine, Formiggini) Il testo Ancora un dialogo breve ma significativo, tra due animali contrapposti dalle diverse scelte di vita. A uscirne trionfante è un valore insostituibile sia per gli animali sia per l’uomo. Quale? Lettura attiva Quali immagini ti suggeriscono gli aggettivi “striminzito” e “ben pasciuto”? A che cosa ti fa pensare la spelatura sul collo? 1. baratto: scambio, do in cambio. COMPRENDERE 1. Di quale ideale è simbolo il lupo di questa favola? ANALIZZARE 2. Completa la tabella. Dove e quando si svolge la vicenda? Quanti sono i personaggi della favola? Quanto dura la vicenda raccontata? Prevale il dialogo o il discorso indiretto? La morale è esplicita o implicita? LESSICO E GRAMMATICA 3. All’inizio della favola due aggettivi in contrasto ci presentano i due animali. Quali sono? 4. Trova tu ora altri due aggettivi, ancora in contrasto, con cui descrivere la diversa condizione dei due animali dal punto di vista del loro rapporto con l’uomo. 5. Quesito INVALSI Nella frase «Che roba è quella, amico mio?» (r. 24) la parola “quella” è A. aggettivo indefinito B. aggettivo dimostrativo C. pronome indefinito D. pronome dimostrativo 6. Quesito INVALSI Nella frase «E che hai mangiato per farti così grasso?» (r. 3-5) la parola “che” è A. pronome relativo B. pronome esclamativo C. pronome interrogativo D. congiunzione ESPRIMERE E VALUTARE 7. Scrivere Immagina che, prima di arrivare alla battuta finale, il lupo voglia porre ancora un paio di domande al cane per essere informato in modo esauriente sui “vantaggi” di una vita a contatto con l’uomo. Che cosa potrà chiedere? In che modo gli risponderà il cane? Rifletti e ricorda che l’uomo è spesso ingrato e non esita, in molti casi, a usare violenza sugli animali. 8. Parlare Sei d’accordo con quanto afferma il lupo al termine della favola? Discutine in classe.
Il lupo e il cane Fedro Un lupo tutto striminzito dalla fame incontra un cane ben pasciuto. Si salutano e si fermano: -    Da dove vieni così lucido e bello? E che hai mangiato per farti così grasso? Io, che sono tanto più forte di te, muoio di fame. E il cane: -    Se vuoi ce n’è anche per te. Basta che tu presti lo stesso mio servizio al padrone. -    E che servizio? -    Custodirgli la porta di casa e tener lontani i ladri, la notte. -    Uh! Ma io sono prontissimo! Adesso sopporto neve e pioggia nel bosco, trascinando una vita maledetta. Mi dev’essere molto più facile vivere sotto un tetto e riempirmi lo stomaco in pace. -    Allora vieni con me. E vanno. Lungo la via il lupo vede una spelatura al collo del cane. -    Che roba è quella, amico mio? -    Oh... è niente. -    Ma, se vuoi dirmelo. -    Qualche volta, per la mia natura impetuosa, mi tengono legato perché stia quieto durante il giorno e vigili la notte. Ma al crepuscolo vado in giro dove mi piace; mi si porta il pane senza che io debba richiederlo, il padrone mi dà ossi della sua tavola, la servitù mi getta qualche boccone: gli avanzi di ognuno sono miei. Così, senza fatica, mi riempio la pancia. -    Ma se si ha voglia di uscire, è permesso? -    Proprio, interamente, no. -    Addio, caro, goditi pure le tue gioie: io non baratto1 la mia libertà neppure per un regno. (Tratto da: Favole esopiche e latine, Formiggini) Il testo Ancora un dialogo breve ma significativo, tra due animali contrapposti dalle diverse scelte di vita. A uscirne trionfante è un valore insostituibile sia per gli animali sia per l’uomo. Quale? Lettura attiva Quali immagini ti suggeriscono gli aggettivi “striminzito” e “ben pasciuto”? A che cosa ti fa pensare la spelatura sul collo? 1. baratto: scambio, do in cambio. COMPRENDERE 1. Di quale ideale è simbolo il lupo di questa favola? ANALIZZARE 2. Completa la tabella. Dove e quando si svolge la vicenda? Quanti sono i personaggi della favola? Quanto dura la vicenda raccontata? Prevale il dialogo o il discorso indiretto? La morale è esplicita o implicita? LESSICO E GRAMMATICA 3. All’inizio della favola due aggettivi in contrasto ci presentano i due animali. Quali sono? 4. Trova tu ora altri due aggettivi, ancora in contrasto, con cui descrivere la diversa condizione dei due animali dal punto di vista del loro rapporto con l’uomo. 5. Quesito INVALSI Nella frase «Che roba è quella, amico mio?» (r. 24) la parola “quella” è A. aggettivo indefinito B. aggettivo dimostrativo  C. pronome indefinito D. pronome dimostrativo 6. Quesito INVALSI Nella frase «E che hai mangiato per farti così grasso?» (r. 3-5) la parola “che” è A. pronome relativo B. pronome esclamativo  C. pronome interrogativo D. congiunzione ESPRIMERE E VALUTARE 7. Scrivere Immagina che, prima di arrivare alla battuta finale, il lupo voglia porre ancora un paio di domande al cane per essere informato in modo esauriente sui “vantaggi” di una vita a contatto con l’uomo. Che cosa potrà chiedere? In che modo gli risponderà il cane? Rifletti e ricorda che l’uomo è spesso ingrato e non esita, in molti casi, a usare violenza sugli animali. 8. Parlare Sei d’accordo con quanto afferma il lupo al termine della favola? Discutine in classe.